Luned́ 26 Agosto01:32:15
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Tanti no vax in Valmarecchia, in particolare a Santarcangelo e Verucchio: arduo formare classi

Provveditore Rimini lancia allarme per scuole elementari e medie

Attualità Valmarecchia | 14:43 - 19 Luglio 2019 Bambini Scuola, foto di repertorio Bambini Scuola, foto di repertorio.

La mancata copertura vaccinale di diversi bambini potrebbe mettere in seria difficoltà alcune scuole della Valmarecchia, in particolare a Santarcangelo e Verucchio. Il rischio - visto il numero di bimbi e ragazzini non vaccinati - è che si possa fare fatica a formare alcune classi alle elementari e alle medie. A rivelarlo, è il provveditore agli studi di Rimini Giuseppe Pedrielli che ne ha parlato anche ai microfoni della Tgr della Rai.

In base alla legge Lorenzin se per i bambini di nidi e materne non in regola scatterà l'esclusione in maniera automatica, per gli altri alunni è prevista una multa da 166 euro ed è previsto che non possano esserci in ogni classe più di due alunni non vaccinati. "In Valmarecchia - spiega il provveditore - la situazione è critica, anche per effetto delle numerose diffide delle famiglie contrarie alla legge". Alla luce dei numeri sulla copertura vaccinale, viene evidenziato, una situazione di debolezza si registra anche nella zona del distretto sanitario sud della provincia di Rimini di cui fanno parte Riccione, Cattolica, Misano e la Valconca. Dati che, nei giorni scorsi, hanno spinto il sindaco di Rimini, Andrea Gnassi e l'assessore comunale alla Scuola, Mattia Morolli, a scrivere una nota stigmatizzando il comportamento, in tema di vaccini, degli altri comuni della provincia alla luce dei numeri pubblicati dall'Ausl Romagna secondo cui sono 7.335 gli studenti della Romagna tra 0 e 17 anni, che non risultano in regola con le vaccinazioni, 3.743 solo nella Provincia di Rimini. Questi numeri, hanno osservato i due amministratori, "sono una grande vergogna per la provincia di Rimini. Sottolineiamo tre volte con il pennarello rosso il termine 'provincia'. Perché, parliamoci chiaro, la vergogna questa volta non se la tira addosso il capoluogo" in cui sono previste sanzioni per i genitori che hanno mandato i loro figli a scuola nonostante la mancata vaccinazione: "non funziona che si immoli uno per l'immobilismo di tutti".