Domenica 25 Agosto03:46:34
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Quasi 200 artisti hanno fatto applaudire più di 24 mila persone: il bilancio del Santarcangelo festival

La rassegna di teatro contemporaneo fra le più longeve in Europa si prepara all'edizione 50

Attualità Santarcangelo di Romagna | 16:16 - 17 Luglio 2019 Il pubblico in piazza che attende uno spettacolo (foto di repertorio) Il pubblico in piazza che attende uno spettacolo (foto di repertorio).

Ben 24 mila presenze in dieci giorni, 196 performer, 158 operatori culturali e 94 giornalisti sono i grandi numeri della 49esima edizione di Santarcangelo festival, una delle rassegne di teatro contemporaneo più longeve in Europa, per non dire più famose in Italia e apprezzate della Romagna.

Un successo per il quale la sindaca della città Alice Parma vuole ringraziare «Eva Neklyaeva e Lisa Gilardino che in questi tre anni di direzione artistica presentato al pubblico un prezioso spaccato che fa il punto sull’arte contemporanea». Il Santarcangelo Festival non è una vetrina, ma «un vero e proprio processo di indagine, ricerca e sperimentazione. Il loro lavoro ha saputo mettere insieme il lavoro di piccole botteghe, artigiani e commercianti, che ringrazio per aver creduto nel progetto, con artisti e operatori internazionali dimostrando che la nostra città è aperta, inclusiva e pronta ad accogliere e confrontarsi con esperienze, persone e situazioni che possono arricchire la comunità oltre i dieci giorni della manifestazione».

Parlando per altri numeri, nei dieci giorni della manifestazione sono circa 500 i turisti che hanno visitato le grotte accompagnati dai volontari della pro loco e oltre mille quelli che si sono rivolti all’ufficio per informazioni turistiche. «Ringrazio il presidente Giovanni Boccia Artieri, il consiglio di amministrazione, tutto lo staff tecnico e organizzativo, gli enti sostenitori e gli sponsor. Senza dimenticare stagisti e volontari che hanno lavorato per la manifestazione». Il prossimo è l’anno di “Santarcangelo50” con la direzione artistica dei Motus.