Marted́ 22 Ottobre14:41:55
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Quattro milioni di euro per il rilancio di botteghe, negozi, bar e ristoranti

Sostegno ai piccoli esercizi e ai punti vendita tradizionali dell'Emilia Romagna

Attualità Emilia Romagna | 13:00 - 15 Luglio 2019 Negozio, foto di repertorio Negozio, foto di repertorio.

Dai piccoli negozi ai bar, dai ristoranti alle botteghe. Fondamentali per la vita e l'identità stessa delle comunità locali, spesso fulcro di piazze e aree urbane, sono i punti vendita tradizionali dell’Emilia-Romagna, molte volte attività di vicinato, che la Regione vuole sostenere attraverso fondi che andranno direttamente agli operatori commerciali. Modalità resa possibile grazie alla imminente modifica della legge 41 del 1997 che regola la valorizzazione e la qualificazione delle imprese minori della rete distributiva, già inserita nel collegato all’assestamento di bilancio 2019, in Assemblea legislativa entro fine mese. Dopo l'intervento normativo, la messa a punto del bando, da oltre 4 milioni di euro, pronto subito dopo l'estate. Con una secondo novità: meccanismi premiali per chi è in affitto, costo che specie nei centri storici si fa sentire.
La Giunta regionale interviene ancora una volta per promuovere lo sviluppo dei piccoli esercizi commerciali ritenuti ‘fattori strategici di attrattività e rivitalizzazione dei centri storici, dei paesi e delle frazioni’. Nel complesso, salgono così a oltre 14 milioni di euro (14,4) i fondi – europei e della Regione - erogati dal2017aoggiper incentivare la competitività e la qualificazione degli esercizi tradizionali.
Le novità e le opportunità in arrivo per gli esercenti sono state illustrate oggi in Regione, a Bologna, dall’assessore regionale al Commercio, Andrea Corsini.
“E’ una nuova iniezione di risorse per rivitalizzare un settore- afferma Corsini- estremamente importante per le comunità e i territori, che è stato particolarmente colpito dalla crisi dei consumi degli ultimi anni. Con questo provvedimento ci proponiamo di dare una nuova spinta al processo di ammodernamento dei piccoli esercizi commerciali fornendo, con contributi diretti, nuove leve per competere e migliorare l’economia di un comparto strategico sia per lo sviluppo dei piccoli centri che per quello delle città. È un buon lavoro di squadra- chiude- fatto insieme alle associazioni di categoria”.

LE NOVITA' In particolare, con le modifiche alla legge regionale 41, si potranno concedere contributi direttamente agli operatori commerciali con l’obiettivo di promuovere la qualificazione e la competitività degli esercizi tradizionali. Si tratta delle piccole e medie imprese fino a 40 addetti che esercitano attività di vendita negli esercizi di vicinato (quelli con una superfice fino a 150 metri quadrati nei Comuni fino a 10.000 abitanti e fino a 250 metri quadrati negli altri Comuni) e le attività di somministrazione di alimenti e bevande.
Le modifiche proposte dalla Giunta saranno inserite nel collegato alla legge di assestamento di bilancio che sarà presentato nella prossima seduta dell’Assemblea legislativa.
Dopo questo passaggio, verrà definito il bando che metterà a disposizione i 4 milioni di euro, 2 di risorse Por-Fesr per il 2020 e 2 dai fondi regionali previsti dalla stessa legge 41/97 per il 2021.

Il BANDO Le risorse della legge 41 e quelle Por-Fesr, per un totale di 4 milioni di euro, saranno messe a disposizione attraverso un bando rivolto agli operatori commerciali per promuovere la qualificazione e la competitività degli esercizi di vicinato nonché per sperimentare incentivi innovativi per supportare la capacità di adattamento e resistenza di tali attività in un periodo di perdurante crisi economica e per favorire l’ammodernamento e l’evoluzione dei pubblici esercizi di somministrazione di alimenti e bevande.
Nel bando si intende proporre anche una specifica premialità per incentivare gli esercizi commerciali che sono in affitto visto che, soprattutto nei centri storici, gli alti costi finiscono, di fatto, per limitare le possibilità di investimento sulla qualificazione dei punti vendita.

I FONDI PER I PICCOLI ESERCIZI Questa nuova misura potrà così andare ad aggiungersi alle altre azioni della Regione a sostegno delle botteghe e negozi tradizionali, per potenziare le aree del commercio nei quartieri e nei centri storici delle città che, per il 2017, hanno visto uno stanziamento complessivo di 3,4 milioni di euro. Contributi che sono serviti a finanziare 36 progetti per la riqualificazione dei centri commerciali naturali, presidi importanti della qualità urbana e sociale.
Un finanziamento seguito nel 2018 da ulteriori 3,2 milioni di euro a sostegno di 33 interventi da Piacenza a Rimini che dovranno essere completati entro il 2020. Finanziati tra l’altro: nuove pavimentazioni e nuove illuminazioni, ma anche soluzioni di arredo urbano capaci di rendere ancora più attraenti le vie dello shopping e i mercati delle nostre città.
Per finire quest’anno col bando da 3 milioni di euro per contributi a fondo perduto per promuovere l’innovazione tecnologica degli esercizi commerciali di vicinato attraverso progetti quali vendite online, “vetrine intelligenti”, innovazione gestionale, attrezzature. E l’ulteriore bando, ancora aperto, per 800mila euro per progetti di insediamento e sviluppo di esercizi commerciali polifunzionali nelle aree scarsamente popolate.