Sabato 24 Agosto02:53:05
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Calcio, Michelangelo Tosi da Gatteo arriva all'Athletic Poggio

Il terzino ha passato nove anni con il Gatteo "Mi affascina avere l'opportunità di rimettermi in gioco in una realtà nuova"

Sport Poggio Torriana | 09:33 - 15 Luglio 2019 Michelangelo Tosi in azione con la maglia del Gatteo Michelangelo Tosi in azione con la maglia del Gatteo.

L'Athletic Poggio colloca un altro prezioso innesto nella sua rosa in vista della prossima stagione. Si tratta di Michelangelo Tosi, classe '96, terzino capace di giocare senza problemi sia a destra che a sinistra. Inoltre vanta abilità nelle palle aeree e buone doti difensive.

Cresciuto nel settore giovanile del Gatteo, nel 2014 esordisce nella squadra maggiore giallorossa con la quale disputa due tornei di Prima e tre di Promozione. Da segnalare, nel 2016, anche i sei mesi trascorsi con la Borghigiana (Seconda).

Ora Tosi è pronto ad abbracciare la nuova avventura arancioazzurra. “Dopo nove anni vissuti col Gatteo avevo bisogno di cambiare un po' aria. - commenta il 23enne difensore romagnolo - Chiacchierando con Jari (Vincenzi, tornato in estate al Poggio n.d.r.) mi ha parlato dell'Athletic e così ho deciso di contattarne la dirigenza: viste le ottime impressioni, e la disponibilità riscontrata, ho scelto di vestire i colori di questa società. Mi affascina avere l'opportunità di rimettermi in gioco in una realtà nuova, avendo vissuto finora solo ed esclusivamente l'esperienza coi giallorossi ed una breve parentesi nella Borghigiana”.

Chiari anche gli obiettivi che l'atleta bernese vuole centrare nel prossimo campionato. “Sul piano individuale mi aspetto una buona stagione che mi permetta di crescere ulteriormente come giocatore e soprattutto come persona, magari riuscendo sia a giocare il maggior numero possibile di gare sia a segnare il mio primo gol in categoria. A livello di squadra lo scopo principale è la salvezza, poi tutto quello che verrà in più sarà sicuramente ben accetto. Dall'ultima annata, ho imparato che in Prima è quasi impossibile stabilire traguardi certi prima dell'avvio: basti pensare che a Gatteo abbiamo vinto il campionato, ma eravamo partiti con l'obiettivo di combattere per la salvezza”.