Sabato 24 Agosto11:47:24
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Frana Libiano di Novafeltria: conclusa prima parte lavori, a fine mese via al nuovo cantiere per il ripristino completo

L'assessore Gazzolo: "Per le opere oltre 700 mila euro dalla Regione"

Attualità Novafeltria | 17:59 - 12 Luglio 2019 Libiano, assessore Gazzolo con il sindaco di Novafeltria Zanchini Libiano, assessore Gazzolo con il sindaco di Novafeltria Zanchini.

Sono terminati i primi lavori per ripristinare la viabilità a Libiano, frazione di Novafeltria nel riminese, dopo che una frana, l’inverno scorso, aveva completamente cancellato la strada principale e isolato la frazione.
Lo smottamento era infatti iniziato il 24 febbraio 2018 dopo le forti piogge e nevicate che avevano colpito la zona: 4 nuclei famigliari erano stati evacuati e un’azienda era rimasta isolata. E la Regione Emilia-Romagna aveva subito erogato 50 mila euro per realizzare una pista provvisoria e consentire così i collegamenti viari.
Il punto della situazione è stato fatto -venerdì 12- luglio con un sopralluogo dell’assessore regionale alla Difesa del suolo, Paola Gazzolo, insieme al sindaco di Novafeltria, Stefano Zanchini, e ai tecnici del Servizio tecnico di bacino Area Romagna.

“L’intervento attuale, finanziato in due stralci, è risolutivo del problema– afferma Gazzolo-. I lavori del primo stralcio per 380mila sono partiti alla fine di aprile e siamo qui oggi proprio per verificare lo stato dell’arte. Per il secondo stralcio di 300mila euro, è terminata la progettazione esecutiva. La gara e l’aggiudicazione dei lavori sono previsti entro la fine di luglio”.

Soddisfazione è stata espressa dal sindaco Zanchini per “una tempistica degli interventi rispettosa dell’emergenza e per il forte impegno delle imprese locali a supporto dello sviluppo territoriale”.
I lavori che consentiranno la completa messa in sicurezza del territorio interessato dalla frana prevedono una paratia su pali di grande diametro rinforzata con tiranti, la messa in opera di gabbioni di contenimento, drenaggi profondi e superficiali per la raccolta e la regimazione delle acque di versante e la rimodellazione morfologica del versante.