Marted 16 Luglio13:27:40
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Mamma 35enne di Ponte Messa morì di parto, ginecologa potrebbe essere processata

Per la ginecologa è stato chiesto il rinvio a giudizio con l'ipotesi di omicidio colposo

Attualità Rimini | 07:07 - 11 Luglio 2019 Ingresso ospedale 'Infermi' Ingresso ospedale 'Infermi'.

Morì per embolia polmonare mentre stava partorendo due gemelli. Protagonista della triste vicenda, come riporta la stampa locale, una 35enne di Ponte Messa. I fatti si sono verificati nel 2013. Per una ginecologa è stato chiesto il rinvio a giudizio con l'ipotesi di omicidio colposo. La dottoressa aveva visitato la donna pochi giorni prima del parto e, secondo quanto sostengono i legali della famiglia, non avrebbe approfondito la situazione clinica della 35enne permettendo di portare alla luce il problema che le è poi stato fatale. La donna nega ogni addebito, afferma di aver eseguito quanto necessario e che la visita aveva avuto come oggetto le modalità del parto. In caso di processo il reato è comunque prescritto e la dottoressa non avrà conseguenze sul piano penale. Dal punto di vista della eventuale causa civile potrebbero esserci sviluppi, visto che l'Asl non ha concesso il risarcimento danni richiesto dai familiari. La vittima, di professione parrucchiera, aveva programmato il parto per gli inizi di marzo 2013 ma circa un mese prima aveva accusato un malore nella sua residenza di Scavolino di Pennabilli. Portata prima a Novafeltria, poi all'ospedale di Rimini, è morta dando alla luce i suoi bambini.