Sabato 14 Dicembre14:35:17
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Basket C Silver, il pivot Alberto Saponi da Rinascita Basket Rimini ai Titans

'Giocai qui a 17 anni, bello rivestire questa casacca. Mi piace molto lavorare coi giovani'

Sport Repubblica San Marino | 14:15 - 08 Luglio 2019 Alberto Saponi è il nuovo pivot dei Titans col presidente Ciacci e il team manager Panzeri Alberto Saponi è il nuovo pivot dei Titans col presidente Ciacci e il team manager Panzeri.


L’arrivo di oggi in maglia Titans non è quello di un nome qualunque. La Pallacanestro Titano infatti è lieta di poter annunciare che nella stagione 2019/2020 avrà nelle sue fila ALBERTO SAPONI, lungo con un passato, anche recentissimo, in serie superiori. “Sapo”, riminese from Miramare, è stato il capitano di Rinascita Basket Rimini che dalla C Gold è stata promossa quest’anno in B e rimane dentro il contenitore del progetto RBR passando alla TISS’YOU CARE SAN MARINO.
Ala/centro classe ’85 di 2.03, ha in carniere una doppia-doppia di media in B Dilettanti già a 21 anni con l’Aeronautica Militare. Prima, anche un po’ di San Marino come prima esperienza senior. Nel 2007 è a Vigevano (A Dilettanti), poi Castelnuovo e Castelfiorentino in B Dilettanti sempre sfiorando la doppia – doppia di media, un marchio di fabbrica. Nel suo percorso tecnico viaggia poi verso Capo d’Orlando, Livorno (Don Bosco) e Civitanova, prima di tornare nella sua Romagna e, nello specifico, agli Angels Santarcangelo. Nella scorsa stagione, infine, è stato protagonista con Rimini della cavalcata verso la promozione.
La Tiss’You Care San Marino è felicissima di accogliere in squadra Alberto, un giocatore di grande efficacia, solidità, carisma e dedizione al lavoro.
Alberto, benvenuto a San Marino. Come è nato il tuo arrivo in maglia Titans?
“Ho seguito da fuori l’ultimo campionato, so che dietro c’è un grande progetto e ho parlato con Massimo Padovano che mi ha raccontato tutto dell’ambiente sammarinese, del lavoro coi giovani e di cosa vuol dire stare qua. La sua presenza come allenatore, una garanzia di qualità, e la serietà del mondo che c’è dietro ai Titans, hanno fatto sì che io scegliessi questa strada”
Sei già stato a San Marino da giocatore, raccontaci la tua prima avventura sul Titano…
“Avevo 17 anni ed è stata sostanzialmente la mia prima esperienza senior. Bello adesso tornare a vestire questa casacca”
La Tiss’You Care San Marino 2019/2020 sarà una squadra giovane con alcuni importanti senior. Cosa pensi dell’idea che sta alla base della costruzione del roster?
“A me lavorare coi giovani piace molto, così come dare loro consigli e trasmettere la mia passione per questo sport. Sicuramente, se lavoreremo in una certa maniera, cresceremo col passare delle settimane e dei mesi verso il raggiungimento di buoni risultati e dei nostri obiettivi. Tutto sta nell’essere costanti nel lavoro in palestra e nell’impegno giornaliero”
Cosa dirai ai giovani della squadra che hanno come obiettivo diventare un giocatore?
“La prima cosa che posso consigliare ai giovani che entrano in un ambiente senior è appunto lavorare giorno dopo giorno, aver voglia di sbattersi e non aver paura di sbagliare. Anche non abbattersi se le cose all’inizio non riescono, ma rialzarsi sempre e riprovarci. Infine, è fondamentale legare il più possibile coi compagni: nei momenti di difficoltà, la squadra ti può sempre aiutare”
Cosa ti aspetti dal prossimo girone di C Silver?
“Sarà un girone tosto e fisico, ma come prima cosa noi dovremo partire concentrati su noi stessi. Se riusciremo a costruire una buona identità di squadra, allora arriveranno anche i risultati”
Cosa vuoi dire ai tifosi e all’ambiente sammarinese?
“Chiedo a tutti di seguirci e di sostenere sempre la squadra. Posso garantire impegno ed entusiasmo al 100% in ogni partita: l’importante è sapere di aver sempre dato tutto, uscendo da ogni contesa senza rimpianti di alcun tipo”
Chi conosci del roster?
“Conosco i ragazzi marchigiani e scoprirò col tempo i giovani. E conosco Dave Macina, le sue qualità di passatore e penetratore. Poi mi hanno detto che è diventato anche un gran bombarolo…”