Marted́ 12 Novembre00:49:09
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Max Croatti mago del Subbuteo, il riminese è campione europeo con la nazionale

Ancora un successo con gli azzurri nel gioco del calcio da tavolo dopo l'oro ai mondiali nel settembre 2018

Attualità Rimini | 08:30 - 07 Luglio 2019 Max Croatti impegnato nella sua sfida di finale con il campione greco Max Croatti impegnato nella sua sfida di finale con il campione greco.

Il mago del Subbuteo Max Croatti si ripete. Dopo l'oro nei campionati mondiali dello scorso settembre, il 50enne riminese infatti ha contribuito alla vittoria della nazionale italiana, categoria Veterani (Over 45 anni) nei campionati europei del noto gioco del calcio da tavolo. La competizione si è tenuta sabato 29 e domenica 30 giugno in Belgio, a Frameries, nella provincia Vallona. L'Italia in finale ha affrontato la Grecia: come di consueto il confronto si è sviluppato su quattro diversi campi da gioco. Max Croatti sfidava il giocatore più accreditato di greci, Kostantinos Kechris. Una vittoria schiacciante dell'azzurro, per 3-0: l'Italia ha conquistato l'oro con il punteggio complessivo di 2-1 (due vittorie e una sconfitta, più un pareggio). Max ha vinto la sua sfida personale usando la sua tattica preferita: difesa rocciosa e contropiede, tanto più che il suo rivale ha tirato pochissimo in porta. Il gol segnato dopo cinque minuti ha permesso al campione riminese di sfruttare il contropiede per arrotondare il punteggio. "Era importante anche la differenza reti, visto che fino a pochi minuti dal fischio finale, stavamo pareggiando sugli altri due campi e perdendo nel quarto", racconta Max. Per l'Italia è stata una spedizione trionfale: cinque ori su 6, con le vittorie nelle categorie open, Under 12, Under 15 e Under 19. Solo nel torneo femminile la squadra azzurra di Subbuteo si è fermata alla semifinale. Per Max ora si profila un periodo di riposo dalle competizioni: tra due mesi, a settembre, il suo Everton (la squadra inglese che usa per le sfide di Subbuteo) parteciperà a un torneo internazionale a Firenze. (r.g.)