Giovedý 22 Agosto07:48:41
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Il giornalista riminese Mirco Paganelli apre un canale youtube sul tema viaggi

Un reporter in valigia, per 'convincere le persone a uscire di casa e a prenotare biglietti aerei per posti che non pensavano di visitare'

Attualità Rimini | 15:22 - 30 Giugno 2019 Mirco Paganelli nel Gargano in Puglia Mirco Paganelli nel Gargano in Puglia.

"Volete viaggiare con me tutto l'anno?". Così il giornalista riminese Mirco Paganelli, 32 anni, presenta il suo nuovo progetto, un canale online interamente dedicato ai viaggi che raccoglie i suoi reportage realizzati all'estero. "Voglio convincere le persone ad uscire di casa, prenotare biglietti aerei per posti che non avrebbero mai pensato di visitare, o fare riscoprire loro mete già battute raccontando curiosità e storie che non sono mai state raccontate".

Il progetto consiste in una web-serie dove ogni stagione è dedicata ad una meta diversa. Ogni lunedì uscirà una nuova puntata. Si parte il 1° luglio con quella dedicata al viaggio che il giovane giornalista ha di recente intrapreso tra Parigi e Londra, dove i gilet gialli si mescolano alla bourguignonne, e le manifestazioni sulla Brexit alle colline di Hampstead. "Il filtro dei miei racconti è la mia curiosità. Racconto esclusivamente ciò che interessa a me e che mi colpisce. Amo la cucina, l'architettura, i paesaggi mozzafiato e dialogare con la gente del posto". Lo stile del racconto è a metà tra la divulgazione scientifica e l'improvvisazione divertita.


"A parlare con il pubblico sarò direttamente io attraverso la mia telecamera – spiega Paganelli -. Tutti i video li giro e li monto da me. Amo viaggiare da solo. Sarebbe per me una vittoria convincere anche una sola persona, dopo avere visto una mia puntata, a viaggiare da sola". Perché è bello farlo? "Perché obbliga a mettersi in gioco, a parlare con la gente che si incontra per strada e soprattutto a scoprire qualche cosa in più di se stessi. Aiuta ad essere più forti. E poi fare amicizie in giro per il mondo è davvero stimolante. A volte, tempo dopo, mi vengono a trovare e altre vado io a trovare loro".


Perché "un reporter in valigia"? "Perché di mestiere faccio il giornalista, il video-reporter. Mentre la valigia è quella che voglio convincere le persone a fare dopo aver visitato il mio canale e dove voglio idealmente infilarmi con i miei consigli".


"Niente è più bello al mondo di aprirsi al mondo", conclude il videoreporter. "Io l'ho capito viaggiando e ancora prima studiando all'estero. Oltretutto grazie a internet, ai voli low-cost e alle dritte di chi ha più esperienza è possibile spostarsi spendendo davvero poco. Secondo me viaggiare aiuta persino a rimanere più giovani, bastano anche soli pochi giorni all'anno di evasione. Dunque non c'è davvero ragione per starsene sempre a casa".