Marted 16 Luglio15:53:54
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Ritardi nel pagamento di stipendi, straordinari e rimborsi: comparto pulizie delle Poste in sciopero

Domani negli sportelli di Forlì, Cesena e Rimini la protesta per vedersi riconoscere i propri diritti di lavoratori

Attualità Rimini | 15:58 - 25 Giugno 2019 Un addetto delle pulizie al lavoro (foto da internet) Un addetto delle pulizie al lavoro (foto da internet).

Stipendi, straordinari e rimborsi chilometrici in ritardo, per non dire non pagati. Ecco perché i lavoratori e le lavoratrici dell’appalto pulizie delle Poste Italiane di Cesena, Forlì e Rimini domani, mercoledì 26 giugno, sciopereranno per vedere riconosciuti i propri diritti di occupati.

Destinataria della protesta l’azienda Nuova Idea (ex Idea servizi integrati), rea di non dare una risoluzione ai continui ritardi nel pagamento degli stipendi, ma anche degli straordinari e dei rimborsi chilometrici. I sindacati si sono schierati apertamente dalla parte dei lavoratori dopo che l’azienda, «pur avendo firmato con il cambio appalto
un accordo con le sigle sindacali dove si impegnava a saldare tutti gli stipendi entro la metà di ogni mese, non ha mai rispettato tale accordo e ad oggi non ha ancora dato certezze sui pagamenti», così denuncia la CGIL di Rimini in una nota. «I continui ritardi nei pagamenti delle retribuzioni ha reso molto difficile la situazione dei lavoratori e delle lavoratrici con bassissimi part time e monoreddito a tal punto che, in alcuni casi, risulta estremamente difficili potersi recare al lavoro. Chiediamo pertanto che Poste Italiane si faccia carico della situazione per vedere riconosciuti i diritti dei lavoratori».

A sottoscrivere la causa FILCAMS-CGIL, FISASCAT-CISL, UILTUCS-UIL dei territori di Cesena, Forlì e Rimini, che vogliono contribuire a sensibilizzare la cittadinanza sulla «grave situazione di questi lavoratori e lavoratrici che da anni subiscono riduzioni degli orari di lavoro e cambi appalto che non garantiscono i loro diritti e delle degne retribuzioni».