Domenica 25 Agosto01:28:50
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Ciclismo, primo acuto di Mattia Casadei: in cinque Alice Bike MyGlass nella top ten

Bronzo a Negrini, quarto Della Chiesa, poi De Angeli e Urbinati. Decisivo l’ottimo gioco di squadra

Sport Cesenatico | 16:18 - 17 Giugno 2019 Il podio del Memorial Adalberto Gabrielloni di Campocavallo di Osimo (Ph. Andrea Grillini) Il podio del Memorial Adalberto Gabrielloni di Campocavallo di Osimo (Ph. Andrea Grillini).


L’aria marchigiana porta bene al team della famiglia Savini. La trasferta a Campocavallo di Osimo (dove si correva il Memorial Adalberto Gabrielloni) - nel giorno in cui Patrick Casadio correva la prova tricolore a Città di Castello - ha segnato un vero e proprio dominio dei ragazzi guidati in ammiraglia da Francesco Satta. Ha vinto, regalando il secondo successo al sodalizio di Cesenatico, il 17enne Mattia Casadei, al primo acuto nella categoria juniores. Bronzo per Matteo Negrini, che era già salito sul podio il 19 maggio a Forlì. Quarta piazza per Patrick Della Chiesa, che in questa stagione sta dimostrando una positiva costanza di rendimento. Sesto lo scalatore Marco De Angeli, attivissimo in varie fasi di corsa. Decimo Mattia Urbinati, alla prima top ten stagionale.

La cronaca ha visto i gialloneri sempre nelle prime posizioni. Il primo tentativo degno di nota si sviluppa al 70° chilometro: fuoriescono in quattro tra cui Della Chiesa e De Angeli: guadagnano 30 secondi ma dietro Casadei, Negrini e Crociati fanno buona guardia. Infatti, dopo pochi chilometri, il drappello viene riassorbito e con l’inizio delle quattro tornate con la salita di Osimo si scatena la bagarre. Ci prova Marco De Angeli, che sul primo Gpm svalica con dieci secondi di vantaggio. In discesa si forma un drappello di cinque uomini, con i colori gialloneri ben rappresentati da Casadei, De Angeli e Della Chiesa. Guadagnano subito 40”, ma dietro il gruppo non si da per vinto e Negrini riesce a rientrare sui primi. Sull’ultima salita Casadei, pur essendo il più veloce allo sprint, prova ad accelerare e fa il vuoto. Dietro lo coprono bene Negrini (rientrato nel frattempo) e Della Chiesa, con De Angeli leggermente sfilato e Urbinati nel secondo drappello inseguitore. A Campocavallo il rettilineo di arrivo è tutto per Mattia Casadei, che arrivando a braccia alzate scaccia definitivamente un periodo tormentato, in cui un virus gli ha fatto perdere i primi mesi di gare. La volata degli inseguitori è appannaggio di Antonio Pio Bevilacqua, con Matteo Negrini terzo e Patrick Della Chiesa quarto. Casadei ha coperto i 109 chilometri in 2 ore 56 minuti alla media di 37,1 km/orari. Al traguardo solo 42 corridori degli 82 partenti.

“Dedico questa vittoria – ha detto Casadei nell’intervista del dopo gara – a tutti quelli che mi sono stati accanto quando, a fine gennaio, ho scoperto di avere un virus che poteva farmi perdere molti mesi di corse. Penso quindi ai miei compagni di squadra, allo staff tecnico, alla mia famiglia. Sono stati determinanti per consentirmi di affrontare questo periodo con serenità”.

Sul podio del Memorial Adalberto Gabrielloni è stato premiato, come da tradizione, anche il direttore sportivo Francesco Satta. Il commento a nome del team Alice Bike MyGlass è però firmato dal team manager Vittorio Savini: “Oggi abbiamo dimostrato che quando corriamo con la giusta determinazione, sappiamo interpretare bene la corsa. Ci siamo presi una prima rivincita dopo il passaggio non positivo al campionato regionale. Ci attendono altre sfide importanti nelle prossime domeniche”.

Al campionato italiano a Città di Castello, Patrick Casadio ha subito il ritmo di gara forsennato, che ha fatto volare i 156 corridori partenti a circa 44 di media nelle prime due ore di corsa, con il termometro vicino ai 35 gradi. Per lui un’esperienza comunque importante perché vissuta al cospetto dei corridori più forti della categoria. Al traguardo, primo il marchigiano Gianmarco Garofoli (Team Lvf Marche) davanti al compagno di colori, ma in forza alla rappresentativa lombarda, Andrea Piccolo. Terzo Alessio Martinelli. Il primo emiliano-romagnolo al traguardo è stato Tommaso Gozzi, 15°.

Prossimo appuntamento domenica 23 giugno alla 66^ Coppa Val Senio a Castel Bolognese (Ravenna).