Marted 17 Settembre07:35:04
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Riccione, chiedono da bere al bar in attesa di un taxi, all’arrivo dell’auto fuggono senza pagare

Il tassista ha accettato 20 euro ed è sfrecciato via, sul posto i carabinieri

Cronaca Riccione | 08:57 - 14 Giugno 2019 Stazione ferroviaria di Riccione Stazione ferroviaria di Riccione.

Si stava apprestando a chiudere la propria attività, il titolare del bar di fronte alla stazione di Riccione, quando, nella notte tra giovedì e venerdì, si sono presentati alla porta quattro persone, due uomini, una donna e un bambino, stranieri, che, nonostante l’ora e il fatto che il bar fosse in chiusura, hanno chiesto di bere qualcosa in attesa del taxi in arrivo. Il proprietario, seppur stanco e in procinto di chiudere, ha accontentato la richiesta dei quattro che hanno consumato nella piazzetta antistante al bar. Nel frattempo è arrivato un primo taxi, su cui sono saliti la donna e il bambino. Il titolare del bar, insospettito, dato che non avevano saldato il conto, si è avvicinato ai due uomini quando è sopraggiunto un altro taxi. Al sollecito del pagamento, questi hanno farfugliato tra di loro poi sono saliti sull’auto. Il barista ha cercato di fermare l’autista spiegandogli che non avevano pagato le loro consumazioni, ma uno dei due gli ha “allungato” 20 euro e il taxi è sfrecciato via. I carabinieri, chiamati ad intervenire, hanno ascoltato il tassista una volta ritornato, che ha spiegato di aver lasciato i due a circa un km di distanza, ma purtroppo le ricerche sono state vane. Un triste episodio non solo per la truffa, ma per il comportamento del conducente del taxi, decisamente discutibile, che desta stupore e rammarico.