Mercoled 19 Giugno04:17:32
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Veronica Alice: "Cattiva" è il primo singolo della cantautrice riminese. L'INTERVISTA

Il 30 maggio 2019 ha invece pubblicato il videoclip del brano, girato interamente nella sua città

Attualità Cattolica | 07:53 - 09 Giugno 2019

Si chiama "Cattiva" il primo singolo della cantautrice di Cattolica Veronica Pozzi, in arte Veronica Alice. La giovane riminese, 26 anni, ha lanciato il brano su Youtube nel marzo 2019, ottenendo un buon riscontro tra il pubblico del web. Il 30 maggio 2019 ha invece pubblicato il videoclip di "Cattiva", girato interamente nella sua città. Tra le location la spiaggia e altri angoli della Regina.  Veronica ha incominciato a studiare canto all’età di 17 anni. Spinta da alcuni amici che avevano notato le sue doti canore, si è iscritta all’Accademia di Canto di Cattolica. Negli anni ha partecipato a vari concorsi arrivando in finale e talvolta aggiudicandosi premi.

Veronica, come mai hai scelto Alice come nome d'arte?
"Viene dal cartone animato e dal libro Alice nel paese delle meraviglie. Mi rivedo nel personaggio di Alice, ma anche in tutti i personaggi della storia. Mi sento anche Stregatto e Regina Rossa. La mia personalità ha molte sfaccettature. Alice nel paese delle meraviglie è una storia molto educativa che rispecchia la nostra vita: scegliere un percorso definito, perdersi, ritrovarsi, fino ad arrivare a prendere una decisione e a portarla avanti".

"Cattiva" nasce una sera d'estate, in attesa di un apertivo, il ritornello impresso in una nota vocale del telefono cellulare.

"Aspettavo un'amica e ho scritto le prime parole del ritornello. Tornata a casa ho completato il testo. Dall'amico pianista Federico Fabbri abbiamo iniziato a comporre la melodia, in base al testo. Conseguentemente è nato il pezzo, lavorando sulle varie parti".

"Cattiva" è una canzone con un tratto marcatamente autobiografico.

"Sì, nasce da una serie di giudizi o pregiudizi che mi erano stati dati da persone per me care, a causa di una serie di incomprensioni. Con questa canzone volevo fare capire come sono fatta veramente. Ovviamente è un brano legato anche a una delusione personale".

Il video hai deciso di girarlo a Cattolica, la tua città.

"Ho contattato la Timeless Production di Roma, uno staff altamente specializzato, per girare il video. Cattolica è la mia città e volevo fortemente girare il mio primo singolo nella mia città, per far conoscere a tutti i luoghi dove ho passato l'infanzia e dove tutt'ora vivo".

Quali sono i prossimi progetti?

"Scrivere e realizzare altri singoli inediti, poi anche un album completo. Certo voglio anche concludere il mio percorso di studi all'università: studio farmacia all'Università di Bologna, sede di Rimini. Dopo la laurea sicuramente aprirò un nuovo percorso di vita"

A quale cantante ti ispiri?

"Ho una cantante preferita che seguo da 10 ann: Lady Gaga. La seguo dai suoi esordi. Il mio stile non c'entra molto, ma chi mi conosce in realtà conosce la mia eccentricità e la mia stravaganza. Non sono una ragazza timida. Lady Gaga mi piacque subito nel 2009 con le prime hit Poker Face, Paparazzi e soprattutto Bad Romance. Cantavo i suoi pezzi con i miei amici e furono proprio loro a spingermi a iscrivermi alla scuola di canto. Mi piace come artista, mi piace la sua voce e l'energia che trasmette ai fan, ma mi piacciono anche i suoi look, trasgressivi ed eccentrici".

Altri cantanti di riferimento?

"Cattiva ha sonorità ispirate a Tiziano Ferro, lo ascoltavo fin da piccola. Anche se adesso non sono più una sua gran fan: non e' più l'artista di 10 anni fa. Mi piaceva il suo pop R&B, Cattiva appunto entra in quel filone. Mi hanno associato anche a Noemi, ad Emma, ad artiste che mi piacciono molto; come d'altra parte ammiro molto Laura Pausini ed Elisa, senza dimenticare Vasco Rossi, Jovanotti".

In futuro proverai a partecipare a un talent?

"Talent... nì. Il Talent dovrebbe dare all'opportunità di fare conoscere principalmente la sua musica. Invece in televisione viene prima l'immagine dell'artista, piuttosto che la musica. So ovviamente quanto sia importante l'immagine, non solo nella musica, ma anche nel mondo di oggi. Questo purtroppo va oltre alla meritocrazia. Certo che per fare i talent ci vogliono purtroppo i contatti giusti, le persone che ti possono indirizzare. Guarda il Grande Fratello: nelle prime edizioni c'erano le vere persone prese dalla strada, nelle ultime invece ci sono tutti personaggi già passati dai salottini televisivi. Il mio primo obiettivo però è migliorare la mia preparazione come cantante. Poi vedremo".