Mercoled 17 Luglio01:12:49
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Terza puntata di "Romagnoli Dop" con Paolo Cevoli, alla scoperta dei "Pataca" locali

Il comico si servirà della cultura popolare dei cittadini della Romagna chiedendogli la loro personale interpretazione di "pataca"

Attualità Rimini | 11:36 - 07 Giugno 2019 Paolo Cevoli e Francesca Airaudo Paolo Cevoli e Francesca Airaudo.

Entra nel “vivo” della questione con la terza puntata “Romagnoli DOP”, la web serie di Paolo Cevoli realizzata insieme alla Regione Emilia Romagna e a Visit Romagna con lo scopo di tutelare e valorizzare il vero romagnolo da Denominazione di Origine Protetta.

La terza delle 13 puntate si intitola “Pataca” e in questo nuovo e divertente appuntamento, il comico cerca di spiegare le caratteristiche di quello che forse è il più amato e conosciuto tratto caratteriali dei veri romagnoli. Un termine assoluto, un concetto “primitivo” che per la sua immediatezza e semplicità non può essere spiegato né tantomeno tradotto, poiché neanche le altre lingue straniere hanno un corrispettivo per “pataca”.  Il patachismo è, insieme alla sburonaggine e l’ignorantezza, proprio una delle tre grandi caratteristiche della Denominazione di Origine Protetta dei romagnoli, come già spiegato Paolo Cevoli nelle precedenti puntate.

Come negli altri episodi il comico si servirà della cultura popolare dei cittadini della Romagna, dell’aiuto di volti celebri amanti di questa regione e dei turisti, intervistandoli per le vie caratteristiche dei borghi romagnoli e chiedendogli la loro personale interpretazione di “pataca”. 

Non mancano anche in questo terzo video ospiti e amici di Paolo Cevoli, come Francesca Airaudo, Francesco Amadori, Aldo Drudi, Roberto Mercadini, Kevin Schwantz e Rudy Zerbi.

La terza puntata “Pataca” è disponibile qui

Il format è stato anticipato da un videoclip del celebre brano “Romagna Mia” di Secondo Casadei, interpretata dal gruppo Saxofollia disponibile qui

“Romagnoli DOP” va in onda ogni giovedì sui canali social di Paolo Cevoli. La web serie è composta da 13 puntate con interviste a personaggi più o meno noti, ma anche a comuni turisti. Duecento tra imprenditori, operatori culturali, artisti, cuochi, scrittori, romagnoli veraci, vacanzieri e altre umanità forestiere hanno prestato testimonianza al fine di raccogliere le qualità chiave che definiscono il carattere del romagnolo. Tra i volti noti: Rudy Zerbi, Giuseppe Giacobazzi, Gianni Morandi, Gianni Fantoni, Kevin Schwantz, Roberto Mercadini, Davide Cassani, Guido Meda, Andrea Mingardi, Aldo Drudi, Duilio Pizzocchi, Andrea Vasumi e tanti altri.