Marted́ 18 Giugno09:32:24
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Incendio e terremoto alla scuola di Secchiano, ma è soltanto un’esercitazione

La protezione civile Alta Valmarecchia Soccorso ha mostrato ai 70 bambini come agire in caso di incendio o terremoto

Attualità Novafeltria | 07:07 - 10 Giugno 2019 Dimostazione antincendio e di prevenzione terremoto alla scuola elementare di Secchiano Dimostazione antincendio e di prevenzione terremoto alla scuola elementare di Secchiano.

Il 25 maggio è stato un sabato mattina diverso dai soliti per i 70 bambini che frequentano la scuola elementare di Secchiano Marecchia, nel comune di Novafeltria. Già dal suono della campanella delle 10, che però non annunciava il cambio dell’ora ma l’evacuazione dell’edificio, si sono accorti che stava per accadere qualcosa di diverso dal solito. Scortati dagli insegnanti nel cortile, punto di raccolta in caso di emergenza, hanno subito notato l’insolita presenza di quindici persone in divisa: erano i volontari di Alta Valmarecchia Soccorso protezione civile (Avs), invitati dall’istituto comprensivo di Novafeltria a tenere una dimostrazione pratica di prevenzione antincendio e di azione in caso di terremoto.

I bambini sono stati istruiti sui possibili rischi in caso di terremoto, come la caduta di oggetti posti su ripiani alti a ridosso di sedute, quali divani, poltrone o sedie. Alla domanda: «Cosa fare in caso di terremoto?» hanno risposto tutti prontamente «bisogna mettersi sotto il tavolo», facendo intendere di aver capito perfettamente la lezione. All’esterno i volontari della Pc avevano montato una tenda omologata PO88 (di quelle azzurre certificate dal ministero) usata nelle principali emergenze per la prima accoglienza delle persone evacuate. I bambini hanno potuto visitarla e scoprire come viene utilizzata e quante persone può ospitare. In chiusura è stato mostrato un cartone animato della Pc che presenta in termini intuitivi i principali accorgimenti da adottare in caso di terremoto. Dopo una parentesi sul rischio idrogeologico, problema che riguarda anche la Val Marecchia visti i più recenti danni causati dalle ingenti piogge di maggio, i bambini hanno anche assistito a una simulazione di spegnimento incendi. L’Avs infatti è composta da 35 volontari di età compresa tra i 20 e i 65 anni (solo 4 le donne), di cui 15 abilitati per l’antincendio, chiamati a intervenire al fianco dei Vigili del fuoco e dei Carabinieri forestali in caso di bisogno. Dopo aver relazionato brevemente del problema legato agli incendi boschivi, la delegazione ha simulato un incendio con l’ausilio di alcuni fumogeni nascosti dietro al cartonato di una lingua di fuoco e ha fatto usare la lancia ai bambini per sparare l’acqua (il gruppo è dotato di due mezzi adibiti di moduli da 200 quintali di acqua l’uno.
I bambini sono rimasti tutti molto colpiti dall’iniziativa e hanno seguito attentissimi. Alle 12 la dimostrazione è terminata con un applauso.

Francesca Valente

Incendio e terremoto alla scuola di Secchiano, ma è soltanto un’esercitazione - Foto 1
Incendio e terremoto alla scuola di Secchiano, ma è soltanto un’esercitazione - Foto 2
Incendio e terremoto alla scuola di Secchiano, ma è soltanto un’esercitazione - Foto 3
Incendio e terremoto alla scuola di Secchiano, ma è soltanto un’esercitazione - Foto 4
Incendio e terremoto alla scuola di Secchiano, ma è soltanto un’esercitazione - Foto 5