Sabato 24 Agosto10:07:01
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Studenti riminesi progettano un sistema di gestione autonomo per riscaldare le classi

Istituto Belluzzi da Vinci si è distinto nel progetto di Confindustria "Crei-amo l'impresa"

Attualità Rimini | 12:24 - 05 Giugno 2019 Foto di gruppo degli studenti del Belluzzi-Da Vinci di Rimini Foto di gruppo degli studenti del Belluzzi-Da Vinci di Rimini.

L'istituto Belluzzi-DaVinci Rimini si è distinto nella fase finale del progetto “Crei-amo l'impresa” organizzato da Giovani imprenditori di  Confindustria Emilia-Romagna 

e Ufficio Scolastico Regionale per l’Emilia-Romagna in collaborazione con Unesco Giovani. 

Un centinaio di studenti di otto istituti secondari superiori dell’Emilia-Romagna hanno presentato i progetti d'impresa innovativi ai quali hanno lavorato nel corso dell'anno scolastico insieme ai docenti e ai giovani imprenditori nel ruolo di business angel.  Si tratta infatti di un’iniziativa che ha l’obiettivo di stimolare nei giovani la sensibilità verso la cultura d’impresa e l’imprenditorialità come prospettiva di futuro professionale.    

«Il nostro obiettivo – ha dichiarato il Presidente dei Giovani imprenditori di Confindustria Emilia-Romagna Kevin Bravi  –  è partire dalle scuole per creare gli imprenditori di domani. Il Progetto  Crei-amo l’impresa  permette agli studenti di vivere il mondo aziendale dal punto di vista dell’imprenditore: un’iniziativa che fonde le diverse attitudini dei ragazzi e genera quella che noi chiamiamo cultura d’impresa. Da quest’anno abbiamo anche la collaborazione dell’Associazione Italiana Giovani per l’Unesco, che rafforza il valore culturale della nostra iniziativa».

Il progetto Automaris ideato dall’Istituto Belluzzi-Da Vinci Rimini è un sistema di gestione autonoma dell’im​pianto di riscaldamento delle aule degli istituti scolastici. La classe ha preso spunto dalla visita all’azienda Engynya e si è distinto per attinenza alle vocazioni e alle opportunità del territorio .


L’iniziativa dei giovani imprenditori dell’Emilia-Romagna, giunta alla quindicesima edizione, ha coinvolto negli anni circa 2.500 studenti.  Si svolge nell'ambito dei percorsi per le competenze trasversali e orientamento (ex alternanza scuola-lavoro), in quanto il tempo impiegato per la realizzazione dei business plan può essere valutato come tale, sulla base delle intese con le scuole.