Mercoled 19 Giugno10:27:16
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Da Rimini a Pennabilli, passando tra Novafeltria e Santarcangelo: tre giorni di turismo responsabile

Torna It.a.Cà il festival di Rimini e le sue valli. Tema 2019: la "Restanza" e l'innovazione turistica

Turismo Rimini | 07:07 - 05 Giugno 2019 Da Rimini a Pennabilli, passando tra Novafeltria e Santarcangelo: tre giorni di turismo responsabile

Per il quinto anno consecutivo il territorio di Rimini ospiterà una nuova tappa del Festival del Turismo Responsabile It.A.CÀ – Migranti e Viaggiatori, il primo e unico festival in Italia che da più di 10 anni si occupa di turismo responsabile e innovazione turistica in ben 15 tappe nazionali. Tema del Festival del 2019: la Restanza, parola coniata dall'antropologo Vito Teti, intesa come coraggioso impegno per un cambiamento che parte dalla comunità locale, dalle sue tradizioni e risorse, come scelta di riscoperta comunitaria per uno sviluppo innovativo e sostenibile.

Dal 7 al 9 giugno il tema della restanza sarà declinato da It.A.CÀ Rimini e le sue Valli attraverso un fitto calendario di 19 appuntamenti tra camminate, pedalate, aperitivi multiculturali, laboratori, proiezioni, concerti, testimonianze di viaggio e molto altro ancora. Tre intensi giorni realizzati con l’obiettivo comune di vivere il territorio, a partire di chi lo abita, attraverso forme di turismo alternativo e aprire ai turisti un contatto vero con i luoghi e le comunità che lo animano e arricchiscono. Un territorio che è certamente mare ed intrattenimento ma anche natura, nuove comunità, mobilità sostenibile, attivismo ambientale, cultura, storia ed integrazione. 

Tra le molte collaborazioni della tappa riminese di It.A.CÀ, che conta quest’anno una fitta e virtuosa rete di più di trenta partner locali, anche quella con Lonely Planet Italia – UlisseFest.

Il Festival, organizzato dal Piano Strategico di Rimini, Innovation Square e i Sunflower Backpackers Hostels, e realizzato grazie all’attivismo spontaneo e collaborativo di tutte le realtà locali che hanno deciso di aderire, inizierà 

venerdì 7 giugno con gli eventi a cura di Enotourism Club, Libera Rimini, Filcams CGIL, EducAid e Orizzonti nuovi che con incontri sulla Valmarecchia e il Montefeltro, sul turismo e la legalità, sulla scoperta di itinerari di viaggio in Palestina e con aperitivi a tema e uno spettacolo teatrale al mare allieteranno i partecipanti in questa prima giornata.

Sabato 8 giugno si proseguirà con un programma ricco di appuntamenti a cura di Monica Gori, Voyamee.com – ADV e Tour Operator, Sunflower Backpacker Hostels, UlisseFest, Discover Rimini. Tra pedalate “artistiche” e camminate ecologiche, testimonianze di attivismo ambientale e di viaggio, laboratori di riciclo creativo dei rifiuti, proiezioni, concerti e passeggiate culturali, sarà possibile scoprire con uno sguardo diverso Rimini e i suoi territori.

Infine domenica 9 giugno gli eventi a cura di Associazione Rione Montecavallo, Associazione FIAB Rimini – Pedalando e Camminando, Musss - Museo naturalistico di Pennabilli, UniRsm DesignMUSSS, Camminate fotografiche, Assamil, Comune di Verucchio, Matrioska Labstore e Associazione Cavolo Cappuccio, Mani Tese, Pinkabbestia. Un’intensa giornata in cui sarà possibile entrare a casa degli abitanti di un quartiere e di una comunità urbana di giovani ragazzi, fare sperimentazioni ludico alimentari cuocendo il proprio pane, pedalare lungo il fiume Marecchia, incontrare una ceramista nella propria abitazione/laboratorio e assistere alla sfilata più inusuale di sempre accompagnata dal coro di richiedenti asilo che intonano le canzone delle mondine.

Un programma da seguire giorno per giorno, con la maggior parte degli eventi gratuiti, all’insegna di un territorio in cui restare e valorizzare relazioni sociali e culturali.

Il programma completo è consultabile qui.