Marted́ 22 Ottobre06:49:34
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Il giardino delle pietre di Torriana diventa il ristorante di 50 tra i migliori cuochi e pizzaioli

Dal 18 al 21 giugno torna Spessore Campobase: gli chef guidati da Piergiorgio Parini e Gianluca Gorini

Attualità Poggio Torriana | 16:35 - 31 Maggio 2019 La cena di anteprima di Spessore 2019 al ristorante L'Arcangelo di Santarcangelo di Romagna La cena di anteprima di Spessore 2019 al ristorante L'Arcangelo di Santarcangelo di Romagna.

“Spessore” esplora sempre nuove strade e per la sua settima edizione si fa Spessore Campobase: quattro giorni in uno spazio aperto straordinario e selvaggio, il Giardino delle Pietre recuperate di Torriana, dove confluiranno oltre 50 fra i migliori cuochi e pizzaioli d’Italia.
Qui fra il 18 e il 21 giugno nasce il ristorante che non c’era e adesso c’è: uno spazio di assoluta libertà e sperimentazione per brigate ogni sera diverse, un lavoro corale fatto di materie prime freschissime, idee nate e cucinate, contaminazioni di esperienze.
Le degustazioni spazieranno dalla pasta al vegetale, dal pesce alle carni, dalla pizza alle piadine, senza cliché prestabiliti e senza autorialità dei piatti: è il gruppo di cuochi di Spessore Campobase che ogni sera offre il meglio di sé.
Libertà anche negli abbinamenti con i vini, con un’ampia selezione a cui gli ospiti potranno accedere autonomamente.
Atmosfere naturali e informali segneranno lo stile di ogni serata, miscelate allo swing dei gruppi musicali “Cambia Poder” e “I musicanti di San Crispino”.
I protagonisti arriveranno a Torriana armati solo della loro passione e creatività, senza nulla di preparato, coordinati da Piergiorgio Parini e Gianluca Gorini che collaborano all’organizzazione con l’ideatore del progetto Fausto Fratti. Saranno loro ogni mattina ad occuparsi della spesa dei migliori prodotti locali e a fare la regia ai 15 cuochi che si alterneranno giornalmente ai fornelli.
Gli occhi del commensale, rapiti da un panorama unico e catturati dalla poesia in movimento delle mani degli chef, dei pizzaioli e delle sfogline, assisteranno nel Giardino delle Pietre recuperate a una sorta di Woodstock della cucina italiana.