Mercoledý 26 Giugno12:44:49
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

VIDEO Partenza di Mal di Plastica, una barca di bottiglie da Rimini a Venezia

Progetto di sensibilizzazione per diminuire l'utilizzo di plastica usa e getta e la sua dispersione in mare

Attualità Rimini | 11:50 - 30 Maggio 2019

Mal di Plastica è una imbarcazione realizzata con materiali plastici e di recupero ideata e costruita da Matteo Munaretto, Stefano Rossini, Piero Munaretto che partirà dalla Darsena di Rimini alla volta di Venezia, martedì 4 giugno alle 12. La barca sarà spinta da una vela, un sistema a pedali, e un piccolo motore di emergenza e arriverà a Venezia, presso la Compagnia della vela (isola di San Giorgio) l’8 giugno. Al momento della partenza saranno presenti i tre ideatori e navigatori, il Sindaco di Rimini Andrea Gnassi e l’Assessore all’Ambiente del Comune di Rimini Anna Montini, e le autorità cittadine. La conferenza evento sarà aperta a tutti coloro che vorranno salutare la partenza del Catamarano e sono state invitate le scuole e aziende che hanno reso possibile il progetto.


PROGETTO MAL DI PLASTICA è un piano iniziato nell’autunno scorso con la raccolta di materiale plastico di recupero (principalmente bottiglie) per realizzare una imbarcazione. La raccolta di bottiglie ha coinvolto circa 900 bambini della provincia di Rimini. I bambini hanno raccolto le bottiglie e le hanno consegnate a Mal di Plastica in cambio hanno ricevuto borraccia di alluminio. La barca è stata realizzata interamente a Rimini, luogo da cui partirà il viaggio nell’estate 2019 sino a Venezia. Rimanendo sempre vicino alla costa la barca sarà facilmente raggiungibile da chiunque per essere “accompagnata” nella sua avventura fino alla laguna veneta. 

Obiettivo del progetto è sensibilizzare l’opinione pubblica sull’utilizzo della plastica usa e getta, sulla dispersione di rifiuti plastici in mare e sul consumo di bottiglie di plastica (si stima un consumo pro capite di acqua in bottiglia di 200 litri a persona. Quello dell’Italia è uno dei più alti al mondo).  Il progetto è dell’associazione senza scopo di lucro Tormentina APS ed è stato possibile grazie alle donazioni economiche e materiali di privati, enti ed aziende.