Sabato 24 Agosto09:45:32
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Prima edizione della Beach Breakfast Run dal bagno 50 al 120 della spiaggia di Rimini

Partenza alle 5.30 di domenica 2 giugno, 3 chilometri di corsa lenta per star bene e fare del bene: 5 degli 8 euro in beneficenza all'associazione Rimini for Mutoko

ASCOLTA L'AUDIO
Attualità Rimini | 15:06 - 29 Maggio 2019 La foto al termine della conferenza stampa della prima Beach breakfast run La foto al termine della conferenza stampa della prima Beach breakfast run.

di Francesca Valente

Sembra che domenica 2 giugno arrivi finalmente l’estate: allora quale modo migliore per dare il benvenuto al caldo e al primo sole sgombro da nuvole di questa stagione tanto attesa che partecipare alla Beach Breakfast Run?

Se non ne sapete ancora niente è normale, perché si tratta della prima edizione di una manifestazione che vuole collegare 70 bagni del litorale riminese attraverso sport, benessere, arte e beneficenza. L’appuntamento è domenica 2 giugno alle 5.30 del mattino (per le iscrizioni appuntamento alle 5 al bagno 50, altrimenti sul sito della manifestazione) per partire in una 3 chilometri di corsa lenta costellata da alcuni punti rigeneranti, come l’esibizione di Laura Benvenuti, che regalerà sonorità leggere e avvolgenti baciate dalla luce del secondo sole di giugno.

All’arrivo al bagno 50 l’associazione di istruttori specializzati Rimini Up aprirà le porte del Wellness village, una porzione di spiaggia con aree per ginnastica posturale, stretching, defaticamento e rilassamento anche grazie allo yoga, al riposo sui lettini e al bagno rigenerante, in questo caso non nell’acqua ma nei riverberi di campane tibetane, flauti, cimbali e molto altro. E ovviamente si potrà fare colazione con i prodotti offerti dai numerosi partner (Kellogg’s, Parmalat, Fruittella, Alemagna, Valfrutta, Esse e Sirio caffè). Recuperate le energie si potrà assistere alla presentazione del libro di Grazia Buscaglia “Rosso come la neve”.

LE VOCI DELLA CONFERENZA STAMPA

PRIMO OLIVIERI di Piacere Spiaggia Rimini, consorzio di oltre 200 operatori di spiaggia e braccio operativo di Spiaggia Rimini Network
Siamo di fronte a una new entry del palinsesto di Spiaggia Rimini Network: è una prova che la città è al passo con i tempi e sa raccogliere, intercettare e veicolare le nuove tendenze. Ne nascono molte in spiaggia e quella di Rimini diventa incubatore di novità delle grandi e piccole aziende, che sempre più spesso vengono nelle nostre manifestazioni a testare i loro prodotti, da immettere poi sul mercato europeo. La spiaggia è sempre un passo avanti e concretizza il lavoro: domenica ci saranno solidarietà, benessere, fitness, attenzione al biologico, basso impatto ambientale e condivisione, ma anche attenzione all'innovazione, che ci invita a organizzare grandi eventi ma anche a selezionare i partner della spiaggia, sempre più attenti alle scelte commerciali.

MAURO VANNI, presidente cooperativa “Operatori di spiaggia”
Quando presentavamo i primi eventi agli esordi, li annunciavamo quasi sottovoce, con la paura di non sapere come sarebbe andata l’estate. Nel tempo abbiamo messo in piedi una macchina da guerra: non c’è amministrazione che tenga di fronte all’organizzazione dei bagnini riminesi, che riescono a dare a questo territorio cose uniche. Quest’anno abbiamo fatto un salto di qualità e non tanto per la grandezza: per il nostro territorio e per lo sfondo benefico a cui è rivolto questo appuntamento, il livello si alza. Riusciamo finalmente a vivere la spiaggia anche di prima mattina, chiudendo un cerchio che ancora non avevamo completato. I bagnini investono ogni anno centinaia di migliaia di euro per promuovere la città attraverso la spiaggia, creando aggregazioni con soggetti sempre nuovi, ora anche con le associazioni di volontariato e che fanno beneficenza. Questo dà un sapore diverso alle nostre iniziative. Se riuscissimo a fare quel che facciamo con la spiaggia di Rimini nella nostra categoria di tutti i giorni, la qualità del nostro lavoro si alzerebbe. Siamo bravissimi a fare eventi e creare aggregazione, ma siamo molto meno bravi dal punto di vista commerciale. Impariamo da Spiaggia Rimini Network a dare valore aggiunto: noi bagnini e baristi non ce ne accorgiamo ma si parla molto bene di noi e c’è un’aspettativa molto alta fuori!

GIANNI PULAZZA, presidente di “Spiaggia Rimini network”
Benvenuti all’ultimo giorno d’inverno, da domani inizia l’estate! Siamo di fronte a un percorso iniziato nel 2011 con un forte impulso aggregativo e con la necessità di unire le forze che erano ancora separate in spiaggia. La proposta di creare un evento così è stata una scommessa che è nata dalla capacità di osservare quel che succede attorno a noi negli ultimi 10-15 anni, ovvero il cambio di passo enogastronomico, lo sviluppo dei servizi e delle potenzialità, fino a cogliere lo sviluppo e la crescita delle iniziative solidali, che hanno aperto l'attenzione su momenti giornata come alba, un momento aggregativo che riscuote sempre più successo. Era importante sondare questo terreno e questo territorio, che parla molto di benessere e di rapporti con l'elemento "mare", dato molte volte per scontato ma con una forte capacità di comunicazione e linguaggio. Mi piace pensare ai punti di partenza e non ai punti di arrivo: lo stiamo vivendo oggi con questa nuova attività. Non nego che la mia prima reazione alla proposta è stata “Come farò a partecipare?”. Ma questa atmosfera mi ha talmente caricato che nella prima domenica di sole e probabilmente nella prima domenica di lavoro per noi balneari, non mancherò.

5 degli 8 euro di iscrizione saranno devoluti all'associazione Rimini For Mutoko, a sostegno dei loro progetti di aiuto in Italia e all'estero

GIORGIO CASADEI, Rimini for Mutoko onlus con Marilena nel cuore
La nostra associazione è stata fondata nel 2001 nata un po’ per scherzo. Abbiamo accettato questa proposta anche per amicizia: l'anno scorso alla quarta "Runrise"abbiamo avuto 1500 persone, quando il primo anno erano 700. Non so se ci arriveremo, lo speriamo davvero! Se tutti gli eventi che organizziamo, dove lavoriamo da volontari, sanno esprimere un'emozione, vuol dire che abbiamo raggiungo l’obiettivo. In 19 anni non abbiamo mai dovuto rinviare una corsa per il maltempo. E non sarà questa l'edizione!
Con i soldi raccolti saranno sostenuti alcuni dei progetti dell'associazione quali il sostegno medicinali, il progetto "Operazione Cuore" per portare 20 bambini africani a operarsi negli ospedali di Genova o Milano, il progetto "Crescere Insieme” integrare il lavoro dei bagnini con il contributo di ragazzi con sindrome di Down e anche il "Basket Rimini", ovvero pallacanestro in carrozzina. 
ASCOLTA L'AUDIO