Marted́ 25 Giugno22:23:01
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Avances a venditrice porta a porta, padrone di casa aggredito dai colleghi della donna: accuse prescritte

Si conclude con la prescrizione il processo a tre italiani denunciati da un 32enne magrebino

Cronaca San Clemente | 07:20 - 29 Maggio 2019 Venditore porta a porta (foto di repertorio) Venditore porta a porta (foto di repertorio).

Si conclude con la prescrizione il processo a tre venditori porta a porta di contratti di fornitura di energia, un ragazzo residente nel pesarese difeso dall'avvocato Paolo Ghiselli e due fidanzati, anch'essi italiani, denunciati da un 32enne magrebino per i reati di violazione di domicilio e lesioni personali in concorso. I fatti risalgono al 7 ottobre 2011. I tre imputati erano impegnati a procacciarsi clienti nella zona di San Clemente. Secondo la querela presentata dal nordafricano, si erano spacciati per tecnici di Hera per entrare nella sua abitazione, per poi reagire con forza quando lui aveva messo alla porta tutto il gruppo. La donna invece ha replicato alle accuse, dicendo di aver subito delle avances dal nordafricano. A quel punto avrebbe telefonato al fidanzato e all'altro collega a sua difesa. In udienza la persona offesa del reato non si è mai presentata, così i due fidanzati, mentre il terzo venditore davanti al giudice ha ribadito la sua totale innocenza e di essere intervenuto solamente perché chiamato dalla collega.