Mercoledý 19 Giugno09:26:04
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Misano, Irpef e Tari Sindaco Giannini risponde ai sindacati "comune con tassazione più bassa"

"I sindacalisti" dice il sindaco "guardano la pagliuzza e non vedono la trave"

Attualità Misano Adriatico | 11:56 - 24 Maggio 2019 Sindaco di Misano Stefano Giannini Sindaco di Misano Stefano Giannini.

Il sindaco di Misano Stefano Giannini risponde con una nota a quanto affermato dai Sindacati in riferimento all’IRPEF e alla TARI applicate dal Comune di Misano. 

“Si tratta di affermazioni da incompetenti e sono solo chiacchiere senza approfondimento. I sindacalisti che fanno certe affermazioni guardano la pagliuzza e non vedono la trave. Il Comune di Misano dei comuni costieri è quello con la tassazione nettamente più bassa. Secondo l’osservatorio statistico regionale  il comune di Misano nel 2015, ultimo dato disponibile, aveva una pressione fiscale e tariffaria pro capite di 989 €. annuo, contro i 1.356 di Cattolica e i 1.504 di Riccione. Certo quest’anno è stata lievemente ritoccata l’IRPEF ma in concreto chi ha un reddito di 15.001 € paga in un anno 10 € in più dello scorso anno. Sulla TARI poi le critiche sono incredibili per superficialità: come si evince dai Piani Economici Finanziari approvati da ATERSIR non solo il Comune di Misano ha un costo per abitante equivalente nettamente più basso dei comuni vicini (Misano €.87,87; Cattolica €.99,63; Riccione €.109,01), ma quest’anno, grazie alla tariffa puntuale, che ha fatto schizzare negli ultimi 7 mesi la raccolta differenziata ad una media dell’86%,  la Tariffa diminuirà sia per i cittadini che per le imprese. Non parliamo poi delle tariffe per l’infanzia e di quelle per il trasporto anziani e disabili. Certo approfondire queste cose comporta un certo sforzo perciò per qualcuno è evidentemente meglio fare la demagogia spicciola”.