Marted 18 Giugno07:33:59
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Calcio RSM, mister Bobo Gori lascia dopo due stagioni il Murata: è arrivato ai playoff

Il tecnico: 'Con la società non ho trovato l'accordo sui programmi. Ambivo ad un salto di qualità'

Sport Rimini | 19:43 - 22 Maggio 2019 Bobo Gori nella recente rimpatriata coi giocatori del Rimini: da sx Gambacorta, Gori, Merli e Traini Bobo Gori nella recente rimpatriata coi giocatori del Rimini: da sx Gambacorta, Gori, Merli e Traini.

Dopo due stagioni il tecnico Bobo Gori da giocatore indimenticato bomber di Rimini, Cattolica, Cagliari in serie B, Foggia, Latina e tante altre squadre di terza serie, lascia la panchina del Murata, squadra del campionato sammarinese. Quest'anno il club ha centrato un traguardo insperato alla vigilia del campionato: è entrato prima nel Q1 e poi ha fatto i playoff venendo eliminato dalla Libertas.

“Avevo una squadra formata da giocatori esperti come l'ex attaccante del Rimini Pieri, il difensore ex Parma Diè, il portiere Renzetti e da un buon numero di giovani che sono cresciuti tanto – spiega il tecnico .- Io e il mio staff composto da Filippo Di Leo come preparatore dei portieri e Antonio Marino come mio vice, che ringrazio per la preziosa collaborazione, siamo contenti del lavoro svolto e i risultati ne sono la testimonianza”.

Perché non resta?

“Con la società non si è raggiunto l'accordo e non mi riferisco all'aspetto economico. Puntavo ad un salto di qualità sotto il profilo delle ambizioni, ad una crescita imperniata su un lavoro di programmazione, cose che la società non è stata in grado di garantirmi. Peccato. Ci siamo lasciato da buoni amici. Sono state due stagioni proficue, ringrazio tutti i dirigenti della fiducia accordatami”.

Resterà nel campionato sammarinese?

“Vedremo gli scenari che si apriranno. San Marino o Italia non fa differenza se ci sono le condizioni giuste per lavorare. Ho 58 anni e ho grandi motivazioni e una buone esperienza. Qualche contatto c'è. Vedremo”.

Un giudizio sul campionato sammarinese?

“Questa è stata la mia terza stagione. Il campionato è cresciuto molto in questi anni sotto il profilo tecnico, sta diventando una realtà importante”.

Il suo impegno nel settore giovanile prosegue?

“Quest'anno ho svolto il lavoro di addestramento coi bambini della classe 2010 della Scuola Calcio della Stella Rimini. Sono in mezzo ai ragazzi del settore giovanile da vent'anni, per me è una ricchezza”.
ste.fe.