Domenica 18 Agosto16:06:27
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Basket giovanile, l'Under 18 dei Crabs chiude la stagione con una larga vittoria

Battuta la Virtus Valmontone per 92-77. Il capitano Filippo Rossi sugli scudi (31 punti)

Sport Rimini | 15:32 - 21 Maggio 2019 Chiusa la stagione per i Crabs Under 18 Chiusa la stagione per i Crabs Under 18.



Al Flaminio è andata in scena l’ultima partita della seconda fase per la Under 18 dei Crabs di coach Maghelli che ancora una volta hanno messo in mostra il percorso di crescita tecnico, fisico ma soprattutto mentale intrapreso, che avvicina sempre più i giovani Granchi a realizzare i propri sogni. Battuta la Virtus Valmontone per 92-77 (24 – 16, 48 – 46, 70 – 60).
La partita rimane in parità per pochi minuti (6 – 6 con 8’42 da giocare) poi il capitano Filippo Rossi (31 punti) prende in mano la situazione: contropiede su assist di Rosario Cruz (8 punti, 10 assist e 7 rimbalzi), seguito da un gioco da tre punti (canestro più tiro libero), una bomba dai 6 e 75 e per concludere un comodo appoggio al tabellone che sancisce il 17 a 6 di metà quarto ed obbliga il coach di Valmontone a richiamare i suoi in panchina. Dopo la strigliata del proprio allenatore, la formazione ospite rientra in campo cercando di ricucire lo strappo appena subito, ma Lonfernini mette a segno gli ultimi tre canestri del quarto e chiude il primo periodo avanti di 8 lunghezze.

E' Tongue (19 punti con 4/5 da due, 2/2 da tre, 5/7 ai liberi) a dare il via alla seconda frazione per i Crabs, trovando punti importanti sia dal pitturato che dalla lunga distanza, poi iniziano a scaldarsi gli animi: il capitano di Valmontone perde la testa e prima si vede fischiato un fallo tecnico seguito immediatamente dall’espulsione diretta, regalando così ai biancorossi 3 tiri liberi e rimessa in attacco con 14”. È ancora Tongue a farsi carico delle sorti della squadra, mettendo a segno i 3 tiri dalla lunetta e realizzando il canestro del +11 (36 a 25) sul suono della sirena dei 24. I laziali ritrovano la concentrazione ma soprattutto la motivazione; punto dopo punto riescono a diminuire il distacco riportando la gara in parità. Filippo Del Fabbro e il giovane Alessio Mazzotti (classe 2003, 19 punti, 7 rimbalzi e 5 palle recuperate) riescono a tenere a galla i Granchi fino al canestro di Martino Ferrari che decide il +2 di fine primo tempo.

Nella ripresa la formazione romana resiste pochi minuti, poi sono i Crabs a riprendere in mano le redini della partita, una buona circolazione di palla e un gioco corale che funziona sia in attacco che in difesa vede i biancorossi prendere il largo senza doversi più guardare indietro. In regia è ancora una volta Rosario Cruz a gestire il gioco, e con maestria ed intelligenza porta i compagni al +10 di fine terzo quarto.

Negli ultimi 10 minuti non c’è più molto da fare, già nei primi istanti i riminesi incrementano il vantaggio a 16 lunghezze, e con il passare del tempo le forze laziali abbandonano il campo, mentre con i canestri finali di Giorgi e Maralossou i biancorossi posso chiudere la pratica 92 a 77.

LA ROSA Luca Baroni, Merfi Carlos Rosario Cruz, Luca Cesarini, Francesco Corsetti, Filippo Del Fabbro, Leonardo Veroni, Filippo Rossi (capitano), Andrea Lonfernini, Marco Giorgi, Martino Ferrari, Tommaso Gamboni, Alessio Mazzotti, Mandel Tongue, Costantin Maralossou, Matteo Montanari. Allenatori: Andrea Maghelli, Ciro Luongo, Danilo Daccico. Massaggiatore: Diego Bartolini. Medico: Adriano Albertini.

Crabs: Rosario Cruz 8 (3/4, 0/1, 2/2), Cesarini 0 (0/0, 0/0, 0/0), Del Fabbro 2 (1/3, 0/1, 0/0), Veroni 0 (0/0, 0/0, 0/0), Rossi 31 (11/18, 1/2, 6/8), Lonfernini 6 (3/3, 1/1, 0/0), Giorgi 4 (2/3, 0/0, 0/0), Ferrari 4 (2/5, 0/0, 0/0), Mazzotti 12 (6/13, 0/3, 0/2), Tongue 19 (4/5, 2/2, 5/7), Maralossou 6 (3/6, 0/1, 0/0), Montanari 0 (0/1, 0/0, 0/0). All: Maghelli, Luongo, Daccico.