Mercoledý 19 Giugno04:23:38
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Boom di spettatori per la stagione teatrale a Novafeltria, aumentano gli abbonati

Spettacoli tra teatro, musica, danza e poesia, progetti con le scuole e laboratori di recitazione per adulti

Eventi Novafeltria | 11:39 - 21 Maggio 2019 Interno del teatro di Novafeltria - Foto di Omar Cappelli Interno del teatro di Novafeltria - Foto di Omar Cappelli.

2.775 spettatori, 100 abbonati e 15 spettacoli: sono questi alcuni numeri significativi che hanno caratterizzato la stagione del Teatro Sociale Novafeltria che da ottobre 2018 a maggio 2019 ha confermato e raggiunto gli obiettivi prefissati dalla direzione artistica dell’Associazione culturale L’arboreto per il terzo anno consecutivo.

Rispetto alla precedente Stagione Teatrale, sono aumentati il numero di abbonati e il numero di spettatori che hanno acquistato i biglietti dei singoli spettacoli; è aumentato il numero di spettatori provenienti da Novafeltria e Comuni della Valmarecchia e, ancora di più, il pubblico proveniente da “fuori città”.  Spaziando tra teatro, musica, danza e poesia, la stagione è stata composta da 7 spettacoli in abbonamento e 3 spettacoli fuori abbonamento.

Spettacoli fuori abbonamento: uno per il progetto regionale "A Scena Aperta" - Incontri nei teatri storici dell’Emilia-Romagna; uno come anteprima della Stagione Teatrale, spettacolo gratuito per gli abbonati; uno per il nuovo progetto di rete E’ Bal - Palcoscenici romagnoli per la danza contemporanea.

Il Teatro Sociale Novafeltria ha poi confermato l’attenzione per gli studenti e gli insegnanti con 4 matinée per le scuole elementari, medie e superiori, che hanno riempito ogni volta il teatro. A completare il quadro della proposta artistica, l’esito finale del laboratorio di teatro per adulti che si è svolto in due momenti (da novembre a dicembre e da gennaio ad aprile). Come coronamento degli appuntamenti non sono mancati momenti di incontro con il pubblico e di convivio, volti ad approfondire il significato artistico delle azioni teatrali e a rafforzare il senso di comunità che il teatro storico ambisce a creare attorno a sé.

La terza Stagione Teatrale del nuovo corso del Teatro Sociale Novafeltria è stata ancora una volta un’esperienza molto positiva, per la qualità delle proposte, la partecipazione del pubblico, il riscontro della stampa, le considerazioni degli abitanti e delle associazioni culturali e sociali del territorio. Uno sviluppo lineare delle precedenti stagioni, caratterizzato da un processo di trasformazione delle forze in campo per il consolidamento di una nuova esperienza che si propone di rinnovare la storia del Teatro Sociale Novafeltria. Nel solco, quindi, dell’innovazione della tradizione teatrale di Novafeltria, l’obiettivo della direzione artistica è stato quello di ripensare al valore culturale e sociale del Teatro della Città, al centro delle relazioni con la vasta comunità di Novafeltria e della Valmarecchia.

Anche il terzo anno di programmazione artistica e organizzativa è stato caratterizzato dall’impegno di costruire un progetto di cultura del teatro con il coinvolgimento e la partecipazione attiva della comunità di Novafeltria, con un pensiero speciale per gli studenti, gli insegnanti e i cittadini che hanno scelto di mettersi in gioco attraverso il fare teatro. A questo proposito, il laboratorio di teatro per adulti del 2018-2019 è stato molto intenso e frequentato da un “nuovo pubblico di partecipanti”.

Un ringraziamento particolare va agli abitanti di Novafeltria, alle attività economiche della Valmarecchia, agli spettatori del Teatro Sociale che hanno creduto ancora nel progetto Amici del Teatro, sostenendo con grande passione l’iniziativa “Biglietti sospesi” che ha favorito la partecipazione di coloro che al momento non si possono permettere le spese per la cultura e lo spettacolo dal vivo.

Il Teatro Sociale Novafeltria è entrato così di diritto fra i teatri della regione Emilia-Romagna che esprimono un progetto di qualità, inteso non solo come “semplice Stagione Teatrale”, bensì come presidio culturale e punto di riferimento per una grande comunità di cittadini e spettatori, artisti e operatori.