Mercoledž 19 Giugno03:25:31
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Elezioni, Legambiente e Wwf interrogano i candidati Sindaco della Valmarecchia

Quesiti su ambiente e sostenibilità, diciassette candidati interpellati, dieci hanno risposto

Attualità Valmarecchia | 11:21 - 21 Maggio 2019 Elezioni, Legambiente e Wwf interrogano i candidati Sindaco della Valmarecchia

Dieci giorni fa Legambiente Valmarecchia e WWF Rimini hanno rivolto alcune domande ai candidati Sindaco dei Comuni appartenenti all’Unione di Comuni Valmarecchia coinvolti nel turno elettorale del 26 maggio 2019. 

In una nota le due associazioni riassumono i quesiti posti, le risposte e indicano i candidati che non hanno partecipato al questionario.


Di seguito le domande poste e le riposte dei candidati, con il commento delle due associazioni:

1. Unione Comuni: Quali saranno le politiche riguardo all’Unione di Comuni Valmarecchia?

2. Contratto Fiume: Quali saranno le prime iniziative concrete prese in applicazione delle azioni previste dal Contratto di Fiume recentemente sottoscritto?

3.Ambiente, Sostenibilità: Quali saranno le azioni specifiche a livello comunale riguardo all’ambiente e alla sostenibilità?

Sono stati interpellati i diciassette candidati Sindaco e sono state raccolte dieci risposte. I Candidati interpellati che non hanno risposto sono i seguenti:

Maiolo

Marcello Fattori,Sviluppo e Partecipazione per Maiolo

Poggio Torriana

Ronny Raggini,Uniti a Poggio Torriana

San Leo 

Pietro Franesi, Cambiare San Leo

Sant’Agata Feltria

Guglielmino Cerbara,Cittadini Santagatesi Uniti

Paolo Ricci,Avanti Insieme per Sant’Agata Feltria

Santarcangelo

Domenico Samorani, Lista Lega Salvini Premier Romagna

Verucchio

Roberto Baschetti, Immagina Verucchio

Riguardo alle domande fatte, inutile dire che per le nostre Associazioni la collaborazione delle municipalità all’interno dell’Unione di Comuni e l’implementazione di quel patto fra amministrazioni di vallata che prende il nome di Contratto di Fiume sono per definizione dei valori positivi. Inutile dire che ai malfunzionamenti e alle inefficienze che possano manifestarsi nell’Unione occorrerebbe rispondere con un rinnovato impegno a rifondare l’Unione lavorandoci dall’interno senza disfare il tutto. E tuttavia, come Legambiente Valmarecchia e WWF Riminiringraziamo caldamente tutti i Candidati che hanno risposto, a prescindere dalle loro posizioni, in questo modo fornendo uno splendido esempio di coesione territoriale e di vicinanza all’elettorato.  Per assolvere al nostro compito di dare la massima diffusione pubblica alle risposte al fine di documentare i cittadini sui programmi abbiamo ordinato in un unico file tutte le risposte ricevute. Fin dalla giornata di oggi questo “File raccolta risposte Candidati” sarà visibile nei nostri siti e pagine facebook. Sempre ai fini di una partecipazione informata al voto abbiamo pensato di concludere questo comunicato con un quadro di estrema sintesi delle risposte ricevute rimandando, per completezza d’informazione, al suddetto file che riporta integralmente le risposte dei Candidati. 

Casteldelci: Candidato Fabiano Tonielli

1. Unione Comuni- Cambiare!, ogni ente in più va eliminato, sussidiarietà e rafforzamento degli accordi volontari tra Comuni la strada da percorrere.

2. Contratto Fiume- il Contratto ha solo prodotto un fiume di parole. Le strade sono due: se si tratta di strumento valido e rispettoso di chi vive e lavora in montagna si va avanti, se si tratta di dell’ennesimo carrozzone inutile e costoso riterremo conclusa l’esperienza

3. Ambiente, Sostenibilità- Riduzione rifiuti, protezione attiva territorio, recupero edilizio e rigenerazione urbana, ribaltamento rapporti con gestione privata idropotabile, tutela corsi d’acqua.

Poggio Torriana: Candidata Monica Brigliadori

1. Unione Comuni- L’Unione a 10 ha fallito. Tornare alle due precedenti unioni a sette (alta valle) e a tre (bassa valle).

2. Contratto Fiume- Crediamo nel Contratto di Fiume.

3. Ambiente, Sostenibilità- Fare sistema per gestione partecipata fiumi Marecchia e Uso; accordo con Sogliano per il monitoraggio impianto rifiuti speciali.

San Leo: Candidato Leonardo Bindi

1. Unione Comuni- Nell’esperienza fino ad oggi maturata ci sono stati innumerevoli problemi. Lavoreremo per superarli, partendo da una attenta e puntuale analisi per verificare se l’Unione è la migliore delle soluzioni.

2. Contratto Fiume- Lavorare intensamente su tutte le azioni del Piano ed in particolare sullo studio sperimentale bacino Rio Maggio (fosso Seripa, fosso Campone di San Leo).

3. Ambiente, Sostenibilità- San Leo è già stato il Comune trainante nel percorso verso la raccolta Porta a Porta nell’ambito dei 7 comuni montani. Proseguiremo in questo ma anche nel ruolo di comune leader nel campo delle energie rinnovabili, ampliando le prestazioni con nuovi investimenti.

San Leo: Candidato Alessandro Tosarelli

1. Unione Comuni- L’Unione va riformata. San Leo si metterà alla testa di un’iniziativa per un'Unione rinnovata che sia capace di fornire servizi, finalmente efficaci ed efficienti, che faccia da leva per un nuovo protagonismo del nostro territorio e per la pianificazione strategica di vallata.

2. Contratto Fiume- Saremo in prima fila per implementarne le azioni, in particolare ci impegneremo sugli obiettivi di: prevenzione e gestione del dissesto idrogeologico, sostegno all'agricoltura biologica, sviluppo di un turismo consapevole e di un'economia ecocompatibile, rimboschimento e piantumazione di alberi per ogni nuovo nato.

3. Ambiente, Sostenibilità- Azioni volte allo sviluppo di un tessuto economico compatibile col territorio, coinvolgimento degli imprenditori sull’obiettivo finale territorio a “zero emissioni”, incentivazione dell’applicazione dell’economia circolare compresa la documentazione e l’informazione dei cittadini.

Santarcangelo: Candidata Sara Andreazzoli

1. Unione Comuni- Nella sua applicazione pratica l’Unione è diventata un aggravio di costi per i cittadini. Necessario il suo superamento nell’interesse della collettività con formazione di due enti distinti fra alta e bassa valle.

2. Contratto Fiume- Realizzare il programma per la gestione della vegetazione ripariale. Il fiume è una risorsa per il turismo sostenibile: mettere in atto progetti per la realizzazione, il potenziamento ed il miglioramento dei percorsi ciclabili lungo l’asse fluviale.

3. Ambiente, Sostenibilità- Lavorare da subito per diventare un Comune a rifiuti zero partendo dalla raccolta differenziata porta a porta spinta per arrivare alla tariffazione puntuale; stop al consumo di territorio; adesione al patto dei sindaci per la riqualificazione energetica e all’Associazione Nazionale dei Comuni Virtuosi che mette in campo progetti concreti per la sostenibilità ambientale.

Santarcangelo: Candidata Alice Parma

1. Unione Comuni - L’assetto dell’Unione di Comuni Valmarecchia dovrà essere ridefinito per rispondere maggiormente alle esigenze diverse e alle differenti conformazioni dei territori. Il progetto dell’Unione a 10 Comuni dovrà essere superato per garantire una maggior efficienza e qualità dei servizi rispetto allo scenario attuale.

2. Contratto Fiume - Riqualificazione dei laghi Azzurro e Santarini, con una conseguente valorizzazione dell’area fluviale del Marecchia in senso turistico, paesaggistico e sportivo. Completamento del percorso ciclo-pedonale lungo il fiume Uso e collegamento di quello lungo il Marecchia con il centro di Santarcangelo con passerella sul ponte di San Martino dei Mulini.

3. Ambiente, Sostenibilità - Elaborazione di un Piano di forestazione urbana, incremento della rete di ricarica elettrica delle auto, implementazione delle piste ciclabili, educazione ambientale, lancio delle Ecofeste, ristrutturazione centro raccolta differenziata di via Scalone, prosecuzione interventi di efficientamento energetico.

Santarcangelo: Candidata Cinzia Salvatori

1. Unione Comuni- Politiche ambientali dell’Unione totalmente inadeguate e interventi dell’Unione assolutamente insufficienti. Santarcangelo dovrà avviare iniziative proprie sia sul fronte del verde che su quello della prevenzione dei rischi idrogeologici nonché su quello della salvaguardia e valorizzazione del paesaggio.

2. Contratto Fiume- Riguardo al Contratto di Fiume Marecchia riteniamo che dalla fase progettuale si debba finalmente passare a quella attuativa, quindi ci attiveremo subito per questo.

3. Ambiente, Sostenibilità -Poniamo molta attenzione all’ambiente. Nel programma prevediamo: la valorizzazione della tradizione culturale e Santarcangelo città della Bellezza. Prevediamo inoltre una serie di politiche: ambientali e della salute, sui bisogni quotidiani dei cittadini, per l’agricoltura e per gli Amici a Quattro zampe.

Talamello: Candidato Pasquale Novelli

1. Unione Comuni- Riteniamo che i servizi offerti dai Comuni partecipanti all’Unione possano essere più efficienti e di minore costo. Saremo aperti al dialogo e al confronto e valuteremo tutte le proposte che siano volte al miglioramento dei servizi offerti e al contenimento dei costi.

2. Contratto Fiume- Riteniamo che il Contratto di Fiume, atto alla valorizzazione e promozione del fiume Marecchia, sia molto importante per la vallata, pertanto collaboreremo con tutti le parti per la realizzazione di progetti condivisi. Come Comune abbiamo programmato degli interventi di manutenzione del fiume Marecchia e della pista ciclabile e di valorizzazione della sentieristica.

3. Ambiente, Sostenibilità- Presteremo particolare attenzione all’ambiente in un contesto di sviluppo sostenibile. Fra le priorità saranno: la costante manutenzione del territorio, l’aumento della produzione di energia da fonti rinnovabili (solare), aree di ricarica per auto elettriche e miglioramento del servizio di RSU differenziata.

Verucchio: Candidato Christian Maffei

1. Unione Comuni- Nonostante l’insoddisfazione espressa da tutti crediamo necessario un organismo di quella natura. Occorre riaggregarci intorno a pochi progetti condivisi di respiro sovracomunale. Abbiamo proposto azioni concrete per cambiare la governance dell’Unione, come l’elezione diretta del Presidente, la creazione di un marchio turistico “Valmarecchia” e la suddivisione per ambiti della gestione dei servizi sul territorio.

2. Contratto Fiume- Il Contratto di fiume deve iniziare a produrre effetti concreti sul territorio. Per Verucchio alla luce degli ultimi eventi, diventa determinante e urgente l’attivazione della scheda specifica che prevede sperimentazioni di soluzioni per ridurre il dissesto nel tratto verucchiese. Oggi ci sono tecnologie e competenze per intervenire sul dissesto idrogeologico che va aggravandosi. Canalizzare tutte le energie nelle azioni volte a correggere le situazioni di dissesto, senza dimenticare le altre azioni previste per la promozione e tutela del Fiume Marecchia.

3. Ambiente, Sostenibilità- Tre saranno i pilastri della nostra azione: mobilità sostenibile, consumo zero del territorio e progetto Verucchio Rifiuti Zero. Mobilità: vogliamo puntare sulla mobilità lenta-ciclopedonale e dare grande rilievo al potenziamento del trasporto pubblico. Territorio: recepimento della nuova legge urbanistica regionale e messa in piedi del percorso per il consumo di suolo zero. Rifiuti: riduzione drastica dei rifiuti con l’informazione e l’educazione, la predisposizione di un Centro del Riuso, la transizione verso il porta a porta, la predisposizione di un centro di studi su rifiuti e ambiente, la tariffazione puntuale, l’adozione di politiche “plastic free”.

Verucchio: Candidata Stefania Sabba

1. Unione Comuni- Nessun Comune può fare a meno di collaborare con un Ente di area più vasta tipo l’Unione dei Comuni però tutti devono esserne convinti. Per questo condividiamo l’annuncio della Regione di rivedere la normativa. Proponiamo di ripartire da una Valle divisa in due Unioni e successivamente ritornare ad una Unione a 10, la dimensione ottimale per gestire politiche di vallata, viabilità, tutela dell’ambiente ed in particolare del Marecchia, valorizzazione dei prodotti enogastronomici, promo-commercializzazione a fini turistici del territorio.

2. Contratto Fiume- Ritengo che la maniera migliore per avere un efficace governo del fiume, siano la collaborazione e sinergia tra tutti coloro che hanno competenze di intervento su di esso e la possibilità di concordare azioni con una visione dell’intera area/asta. Questa modalità è stata messa a sistema nel Contratto di Fiume, che ha dedicato al nodo idraulico di Ponte Verucchio una apposita scheda, inserita tra le priorità di azione, che oggi dovrà assumere priorità massima.

3. Ambiente, Sostenibilità– Il programma vi pone grande attenzione. Il faro sarà l’avvio di azioni per ridurre significativamente l’uso della plastica monouso (Verucchio Plastic Free). Riduzione della produzione dei rifiuti e azioni volte a sviluppare pratiche di economia circolare; miglioramento della raccolta porta a porta; appuntamenti fissi, Green Days,in cui svolgere iniziative quali: PuliAmo Verucchio nei parchi cittadini, raccolta rifiuti in camminata o in corsa, laboratori di riparazione, recupero e riciclo, acquisto di prodotti alla spina e della “acqua del Sindaco”. Adozione del piano del Verde. Attenzione ai pesticidi e promozione di forme alternative di “lotta biologica”. Sensibilizzazione ai consumi alimentari stagionali a km Zero o di prossimità. Efficientamento degli edifici pubblici e apertura dello Sportello Energia.