Domenica 21 Luglio11:25:01
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Basket C Gold, Albergatore Pro cerca la finale playoff in gara2 di mercoledì a Fiorenzuola

Coach Bernardi: 'Non dobbiamo farli entrare in ritmo, cuore e gruppo la nostra forza'

Sport Rimini | 23:56 - 14 Maggio 2019 Il play di Albergatore Pro Eugenio Rivali (Foto  pag FB di RBR) Il play di Albergatore Pro Eugenio Rivali (Foto pag FB di RBR).

Mercoledì a Fiorenzuola si gioca gara2 della semifinale playoff (ore 20,30).  Coach Bernardi, l'obiettivo della finale playoff si può raggiungere da subito?

"Questo è un ragionamento che va troppo avanti col tempo. Noi domani sera metteremo il 150% delle nostre energie, la nostra vita finisce domani e faremo di tutto per giocare una bella partita, ma senza avere altre pressioni. Nei playoff bisogna pensare partita dopo partita."

Nel post partita di Gara 1 si era parlato della necessità di maggiori percentuali da tre punti per punire la loro difesa in area e, per quanto possibile, evitare un'altra partita di grande sofferenza. Avete lavorato su altri accorgimenti in vista di Gara 2?

"Nel caso dei playoff, ossia di partite molto ravvicinate tra loro come in questo caso, si conosce sempre meglio l'altra squadra e si preparano sempre degli aggiustamenti. Le percentuali da tre punti, se miglioreranno, saranno una conseguenza di ciò che farà veramente la differenza: la nostra energia e solidità difensiva. Fiorenzuola è molto forte e ha delle precise caratteristiche, ma questo lo sapevamo già dalla regular season e dovremo lavorare per non dare loro modo di entrare in ritmo, sopratutto a giocatori come Colonnelli che sono capaci di segnare anche con la mano in faccia da otto metri. In certi momenti di garauno abbiamo messo in campo una determinazione ed un'energia che dovranno essere da modello e che dovremo riproporre per cercare di non esaltarli.  Farò qualche piccola modifica anche in attacco, ma dovremo fare affidamento sui nostri valori che ci hanno permesso di vincere domenica: il nostro grande cuore e l’unione di tutti i giocatori."

L'esclusione di un giocatore normalmente presente nelle rotazioni come Yuri Ramilli ha una motivazione particolare?

"Non bisogna concentrarsi sui singoli giocatori, ma dobbiamo pensare e giocare come squadra ed essere orgogliosi di quello che stiamo facendo grazie al lavoro di ciascuno dei ragazzi durante la settimana in palestra. In campo può andarci uno piuttosto che un altro, l’importante è il gruppo."