Sabato 20 Luglio07:52:25
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Adolescenti e dipendenza da social, un incontro con esperti a Rimini

Mercoledì 15 maggio in Cineteca, approfondimento per genitori ed insegnanti

Attualità Rimini | 12:12 - 14 Maggio 2019 Adolescenti e dipendenza da social, un incontro con esperti a Rimini

Mercoledì 15 maggio in Cineteca comunale di Rimini alle 21, è in programma un incontro pubblico dedicato a genitori e insegnanti, per approfondire con gli esperti le problematiche adolescenziali. Si discuterà di come "Prevenire la dipendenza dai social": quante volte vorremmo togliere lo smartphone dalle mani dei nostri figli o studenti? Come possiamo reagire quando ci sembra troppo il tempo che passano sui social? L'appuntamento rientra nell'ambito del progetto di orientamento ed educazione "Scelgo attivamente", promosso dalla Regione Emilia-Romagna anche attraverso risorse del Fse, e condotto dalla Provincia di Rimini insieme all'Ufficio scolastico, Camera di commercio, enti locali, Organizzazioni sindacali e di categoria e con la collaborazione della Consigliera di parità.

Interverranno:

- Elena Lucarella: Psicologa, esperta in dipendenze dai social, Sert Rimini, cooperativa Cento Fiori  

- Margherita Pozzi: Educatrice professionale - Sert Forlì

Il progetto “Scelgo attivamente” nasce dalla consapevolezza dell’importanza dell’orientamento quale fattore strategico per ridurre la dispersione scolastica e garantire il successo formativo degli studenti e delle studentesse. L’educazione alla scelta, alla conoscenza di sé e delle proprie vocazioni, l’analisi delle opportunità del territorio, l’aggiornamento costante sulle nuove frontiere dello sviluppo sono condizioni fondamentali per garantire le migliori opportunità di crescita culturale, economica e sociale alle nuove generazioni, favorendo uno sviluppo inclusivo. Le azioni messe in campo sono iniziative diversificate, complementari e modulabili, rivolte agli studenti delle scuole secondarie del primo e secondo ciclo ed in generale ai ragazzi dai 12 ai 19 anni, alle loro famiglie, ad insegnanti ed operatori.