Luned́ 19 Agosto04:03:42
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Judo, Campionati Nazionali Aics: argento per la giovanissima Federica Bugli

Le gare che si sono svolte al Play Hall sono iniziati con l’emozione per gli esami di cambio di cintura

Sport Riccione | 17:13 - 08 Maggio 2019 Federica Bugli (2007, 63 kg) sul podio Federica Bugli (2007, 63 kg) sul podio.

In occasione del bellissimo allestimento del Play Hall di Riccione per i Campionati Nazionali di Judo Aics, venerdì 3 maggio la Polisportiva Riccione, sotto la guida del D.T. Maestro 6° dan Maurizio Velastri e del responsabile della sezione judo Giuseppe Longo, istruttore 3° dan, hanno organizzato il consueto appuntamento annuale per l’esame di cintura e la relativa cerimonia di consegna con il caratteristico lancio delle vecchie cinture. Nell’evento sono stati coinvolti ben 62 atleti dai 4 ai 50 anni. Gli esami sono stati gestiti da due commissioni, una seguita dal D.T. M° Maurizio Velastri e l’altra dall’insegnante tecnico 3° dan Alberto Belligotti del Sakura Rimini.
Tutti gli atleti hanno preso con grande serietà l’impegno dell'esame di cintura e come ogni anno i bambini si sono emozionati e hanno emozionato i presenti. “L’esame di cintura è l’atto conclusivo di un ciclo che varia dai 4 agli 8 mesi circa di attività con i bambini e gli adulti. Per i più giovani è un modo per responsabilizzarli e dargli una seria e concreta motivazione. Per loro il cambio di cintura o anche la sola striscia dorata che diamo ai bimbi del baby judo di 4/5 anni, è un vero e proprio cambio di status. Abbiamo visto tutti molto motivati e ogni bimbo ha fatto del suo meglio in relazione alle proprie capacità atletiche e cognitive. Fra i ragazzini più grandi che si sono affacciati da poco all’agonismo o che lo faranno nei prossimi anni abbiamo invece potuto notare una bella evoluzione di tecnica ma soprattutto motivazionale. Fra gli amatori invece, quasi tutti al primo o secondo anno di attività abbiamo constatato un fortissimo impegno e voglia di far vedere che nei mesi precedenti avevano arricchito il loro bagaglio tecnico e culturale -  commenta il responsabile della sezione, Giuseppe Longo -”.
L'esame è stato seguito da una piacevolissima sera conviviale alla bocciofila di Riccione, gentilmente concessa dal circolo.
Sabato 4 maggio, invece, è in iniziato il Campionato Nazionale Aics che ha visto in gara 5 atleti agonisti e 14 preagonisti facenti parte della sezione judo della Polisportiva.
Fra gli agonisti, la Polisportiva ha portato a podio la giovanissima Federica Bugli (classe 2007, categoria - 63 kg) che si è aggiudicata un meritatissimo argento. Hanno sfiorato il podio i due “senatori” della sezione, Simone Michelotti e Cecilia Tencati, che pur facendo un’ottima gara hanno entrambi perso prima la semifinale e poi la finalina per il bronzo. Lontani dal podio, ma comunque con un’ottima prestazione, i meno esperti, Matteo Dominici e Alessandro Puglia. “Siamo relativamente soddisfatti della prestazione, da una parte perché il Campionato Nazionale Aics non era nel nostro calendario fino a tre settimane fa e quindi la nostra preparazione puntava ad obiettivi successivi. Soprattutto per i nostri cadetti Michelotti e Tencati, poi, è stata una gara più dura del previsto, con numerosi atleti anche medagliati recentemente ai campionati federali. Nonostante ciò sono riusciti ad avere una posizione di prestigio anche se senza medaglia. Fra i giovanissimi, Federica ha dimostrato di poter fare bene in futuro, ma anche Alessandro e Matteo stanno maturando e migliorando la loro condizione psicologica di approccio alla gara”.
Buone sensazioni sono arrivate dai preagonisti, alcuni alla loro prima esperienza fuori dal proprio dojo, che invece si sono confrontati domenica 5 sui tatami del Play Hall, con i seguenti risultati:
Primi classificati: Fratti Manuel, Falcone Leonardo, Longo Sofia
Secondi classificati: Bertozzi Viola, Celli Anita, Gini Simone, Maccioni Celeste, Marinelli Carolina e Mendes Valdana Lucas.
Terzi classificati: Castelluccia Angelica, Lo Conte Giulia, Marotta Christian, Serino Bianca e Georgescu Denis.