Luned 20 Maggio11:25:43
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Pagamento Tari, a Rimini scade il 31 maggio la prima rata e la rata unica

Il pagamento può essere effettuato gratuitamente presso qualunque sportello bancario, postale o via home banking, utilizzando i modelli F24 già forniti

Attualità Rimini | 14:48 - 07 Maggio 2019 Tari (foto di repertorio) Tari (foto di repertorio).

Il Settore Tributi del Comune di Rimini comunica che sono stati inviati agli indirizzi di residenza dei contribuenti gli inviti al pagamento della Tari 2019, corredati dai rispettivi modelli F24, precompilati in tutte le loro parti, necessari per effettuare il pagamento dell’intero importo entro il 31 maggio, oppure in tre rate  con scadenza 31 maggio, 30 settembre e 30 novembre.

A chi ne ha fatto richiesta, gli inviti ed i relativi F24 sono stati inviati per PEC o mail. In questo caso non sono state addebitate le spese di stampa e  spedizione.

Il pagamento delle rate Tari può essere effettuato gratuitamente presso qualunque sportello bancario, postale o per via telematica (home banking), utilizzando i modelli F24 già forniti.

Se, per qualsiasi motivo, non fosse pervenuto l’invito e gli allegati F24 è possibile: chiederne e riceverne copia per posta elettronica o fax; scaricare l’invito ed i propri modelli F24, già precompilati, accedendo alla piattaforma Linkmate, collegandosi all’indirizzo http://sportellotel.servizienti.it/rimini ed usando le credenziali riportate nell’invito (anche di avvisi precedenti); chiederne copia all’ufficio competente. A tal fine è attivo uno sportello dedicato, sito in via Ducale n. 7 (parcheggio ex area Sartini, Piazzale Tiberio), aperto nei seguenti orari: lunedì e mercoledì dalle ore 9,00 alle ore 12,30, nonché giovedì dalle 9,00 alle 15,00.

Si ricorda a coloro che non avessero provveduto al pagamento, in tutto od in parte, delle rate relative all’anno 2018, che possono regolarizzare la propria situazione entro il termine di un anno dalla scadenza di ciascuna rata, utilizzando l’istituto del ravvedimento operoso (sanzione ridotta al 3,75%).