Domenica 21 Luglio11:31:08
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Rimini, diecimila presenze a La Settima Arte Cinema e Industria

Successo per la prima edizione della Festa del Cinema, le INTERVISTE a Pupi Avati e David Riondino

ASCOLTA L'AUDIO
Attualità Rimini | 16:43 - 06 Maggio 2019 Platea al Teatro Galli Platea al Teatro Galli.

Si è chiusa domenica 5 maggio con successo e con un bilancio di circa 10 mila presenze la prima edizione di La Settima Arte Cinema e Industria, ideata ed organizzata da Confindustria Romagna, Khairos Srl (Cinema Fulgor e Cinema Settebello di Rimini), Università Alma Mater Studiorum Bologna - Dipartimento Scienze per la Qualità della Vita di Rimini, con la collaborazione del Comune di Rimini.
In 3 giorni sono stati più di 60 gli appuntamenti fra mostre, proiezioni, anteprime, masterclass, presentazioni di libri, tutti completamente gratuiti, che hanno raccolto il consenso del pubblico di varie età con una forte presenza di giovani.
 
La conclusione con la cerimonia di premiazione dei vincitori del Premio Cinema e Industria.
La serata presentata dal giornalista e conduttore di Uno Mattina Franco Di Mare ha visto la partecipazione del Presidente di giuria Pupi Avati che quest’anno festeggia i 50 anni di carriera. Intervistato da Di Mare, Avati ha raccontato con maestria momenti ed aneddoti significativi legati alla storia del cinema.
Sul palco anche Laura Morante nella sua prima performance al Galli. L’attrice ha proposto una suggestiva lettura di alcuni brani di Federico Fellini.
In apertura di serata Franco di Mare ha condotto un talk con la partecipazione di Andrea Gnassi sindaco di Rimini, Paolo Maggioli Presidente Confindustria Romagna, Elena Zanni Direttrice Khairos, Roy Menarini professore Università di Bologna – Campus di Rimini.
 
I premi sono stati consegnati a: Paolo Del Brocco, Amministratore Delegato di Rai Cinema (Premio Cinema e Industria ad honorem) Daniele Ciprì, regista, sceneggiatore, direttore della fotografia, montatore e docente (Premio Artistico); a Gian Luca Farinelli, Direttore della Cineteca di Bologna (Premio alla Distribuzione dedicato alla memoria di Gianluigi Valentini); Matteo Rovere, regista, sceneggiatore, il più giovane produttore italiano ad essersi aggiudicato il Nastro d’Argento (Premio alla Produzione) a Valentina Taviani, costume designer (Premio al Contributo Tecnico).
 
Fra i momenti clou della manifestazione l’inaugurazione della mostra “David Lynch. Dreams – A Tribute to Fellini” realizzata a Castel Sismondo, futura sede del Museo Internazionale Federico Fellini, con allestimento curato da Nicolas Rouiller direttore della Fondazione Fellini di Sion (Svizzera), Sonia Mariotti e Arianna Bargellini de La Settima Arte Cinema e Industria.
La festa del cinema si è tenuta in vari luoghi di Rimini: Castel Sismondo, Teatro Galli, Cineteca di Rimini, Biblioteca Gambalunga, Campus di Rimini, Cinema Fulgor, Cinema Settebello, Multiplex Le Befane-Giometti Cinema, Cinema Tiberio, Galleria Primo Piano, FormaMi.

Intervista a Pupi Avati di Maria Assunta Cianciaruso. Presente al festival anche David Riondino che ha condotto un talk assieme al poeta e saggista Gianfranco Miro Gori. Sentiamolo.


ASCOLTA L'AUDIO