Domenica 21 Luglio05:23:15
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

FOTO Gli studenti del 'Volta Fellini' alla scoperta delle bellezze storiche di Riccione

E' la settima edizione del progetto 'Officina delle Arti' che ha coinvolto 300 ragazzi

Attualità Riccione | 14:52 - 04 Maggio 2019 Alcuni momenti della giornata del progetto 'Officina delle arti' (Foto di Daniele Casalboni) Alcuni momenti della giornata del progetto 'Officina delle arti' (Foto di Daniele Casalboni).

Mattinata istruttiva all’aria aperta e all’interno dei principali contenitori museali di Riccione per circa 300 studenti del Liceo Volta Fellini - indirizzo Artistico. In occasione della settima edizione del progetto “ Officina delle Arti” i ragazzi accompagnati dagli insegnanti sono partiti da scuola suddivisi in gruppi diversi per arrivare, fotografare e conoscere da vicino suggestivi luoghi del territorio comunale quali il Museo del Territorio, la Biblioteca Comunale, Villa Franceschi, Villa Mussolini, il porto canale, Palazzo del Turismo, Centro Arti Figurative, Villa Lodi Fe, il Parco della Resistenza, la Fontana del nuotatore in Piazzale Ceccarini, la fontana di Tonino Guerra in piazzale Roma, la Fondazione Cetacea, la Spiaggia del Sole e varie piazzette cittadine.
Il progetto che si snoda in due distinti percorsi didattici rivolti agli studenti del biennio e del triennio, ha coinvolto in questa prima fase gli alunni impegnati in attività di carattere artistico-grafico, fotografico e progettuale al di fuori dell’ambiente scolastico, in esplorazione del territorio cittadino, con l'obiettivo di conoscere la storia e le bellezze artistiche della città attraverso esperienze dirette e coinvolgenti.
Un’ iniziativa per la quale il Comune di Riccione ha messo a disposizione spazi e ambienti significativi della città ed esperti di varie discipline storiche, artistiche, culturali e naturalistiche.
Si è trattata di un’occasione preziosa per i ragazzi, un’esperienza concreta del mondo che li circonda, parte di un tessuto sociale del quale un giorno saranno responsabili e protagonisti.
Tra le varie tappe previste,  al Museo del Territorio gli esperti museali hanno proposto loro un'attività didattica sull’ arazzo di Bayeux.
I ragazzi sono stati introdotti all'attività di disegno da una lezione teorica supportata da una presentazione ricca di immagini sulla storia della conquista Normanna dell'Inghilterra e sulle origine vichinghe dei Normanni. Un tema non solo utile ad esaltare il talento artistico delle classi coinvolte ma inserito anche nel programma scolastico di storia e di letteratura inglese. A fine mattinata gli alunni hanno realizzato sedici scene, scelte tra le più iconiche delle 58 originali e necessarie alla narrazione dei fatti storici, del celeberrimo reperto medievale, reperto unico nel suo genere e preziosa testimonianza della cultura materiale normanna per quanto riguarda tipologia di abitazioni, abbigliamento, armi, navi ed equipaggiamento.