Venerd́ 06 Dicembre19:32:17
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

‘Colonia Roma diventi Condhotel a 5 Stelle’: la proposta del candidato sindaco Gabriele Bucci a Bellaria

Centri benessere, uffici per la nautica, servizi di qualità e la Scuola Alberghiera

Attualità Bellaria Igea Marina | 18:12 - 03 Maggio 2019 Gabriele Bucci della lista civica che porta il suo nome Gabriele Bucci della lista civica che porta il suo nome.

“E se nella Colonia Roma si realizzassero un Condhotel 5 Stelle, una Scuola Alberghiera e servizi di qualità?”. Non perde tempo Gabriele Bucci e coglie al volo le opportunità fornite appunto dalla recentissima Disciplina per l’avvio e l’esercizio dei condhotel e per il recupero delle colonie per ripensare una porzione strategica di territorio e farne un polo di grande rilancio dell’offerta turistica.

 

Il candidato sindaco della lista civica che porta il suo nome e della coalizione con Alternativa Democratica per Bellaria Igea Marina e Italia in Comune entra quindi nel merito spiegando quali potrebbero essere le tante possibilità in gioco: “La nuova norma stabilisce le regole e i requisiti per l’apertura e la gestione di una nuovissima tipologia ricettiva mista nella quale, nella stessa struttura alberghiera, sono presenti le tradizionali camere, ma anche appartamenti privati. Io penso che l’offerta della Colonia Roma possa essere completata da uffici di supporto alla nautica e al turismo, sale per feste, spettacoli ed eventi, centro benessere, impianti sportivi, galleria commerciale di qualità, parcheggi sotterranei…”.

Bucci ricorda quindi come lo spirito della norma sia duplice – recupero del degrado e risparmio del suolo – ma come la legge da sola non sia sufficiente. “Sarà ora decisivo il ruolo del Comune nell’esercitare le prerogative lui assegnate dalla disciplina. Sarà infatti il Comune a programmare - in base a caratteristiche, potenzialità e necessità presenti sul territorio - quali saranno le zone e le modalità in cui si realizzeranno concretamente i condhotel e a dover redigere le relative previsioni urbanistico-edilizie. E in ottica antidegrado, risparmio di territorio, rigenerazione urbana e riqualificazione turistica, la Colonia Roma può davvero diventare, da evidente problema, una grossa opportunità”.

Allargando infine ancor più la prospettiva: “Si tratta di un progetto in perfetta armonia con quello per la riqualificazione della zona porto sui lato Igea e l’intera progettualità andrà discussa e concordata con i proprietari dell’area. Ma è immediatamente chiaro come in uno spazio così grande, a un passo dal mare e turisticamente così appetibile non mancherebbero certo interlocutori di alto livello. Anche perché, nelle aree circostanti della stessa proprietà, accanto al nuovo Condhotel Colonia Roma potranno essere realizzate strutture complementari o autonome, a servizio degli ospiti ma anche di residenti, visitatori e turisti. A noi non dispiacerebbe affatto che, accanto ai classici servizi citati in apertura, nascesse ad esempio una moderna e specialistica Scuola Alberghiera. Una scuola che nascesse per iniziativa di associazioni e sindacati del Turismo (potrebbero alimentarla con il gettito dei CAT, degli Enti Bilaterali, oltre che con i Fondi Sociali Europei), magari sul modello dello IAL di Cesenatico, sorto su iniziativa della CISL, che, fra i primi, ha compreso l’importanza della formazione turistica. In una chiave di sviluppo, sarebbe una bella maniera di ricollegare passato, presente e futuro, restituendo alla città e ai suoi cittadini una Scuola Alberghiera di Bellaria Igea Marina capace di creare, oltre alle professionalità tanto richieste dai nostri operatori, nuove occasioni di lavoro sia per chi lavorerebbe al suo interno sia per chi vi studiasse per apprendervi uno dei mestieri più richiesti in futuro. E sarebbe meraviglioso un domani vedere affermarsi tanti giovani che potessero dire con orgoglio di avere imparato il mestiere nella nostra scuola e poi, in una sana alternanza scuola-lavoro, nelle strutture ricettive di ristorazione e turistiche della nostra città e della nostra riviera”.