Venerd́ 06 Dicembre19:33:03
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Non paga tutti gli alimenti all'ex moglie, 48enne riminese rischia la condanna

E' alle battute finali il processo nato a seguito della separazione tra l'uomo e la moglie 47enne

Cronaca Misano Adriatico | 05:52 - 05 Maggio 2019 Separazione, assegno di mantenimento Separazione, assegno di mantenimento.

Rischia condanna a tre mesi di reclusione un imprenditore 48enne di Misano, accusato di esercizio arbitrario delle proprie ragioni e di violazione degli obblighi di mantenimento. E' alle battute finali il processo nato a seguito della separazione tra l'uomo e la moglie 47enne: giovedì 2 maggio si è tenuta la discussione con il rinvio per la pronuncia della sentenza. La pubblica accusa ha chiesto tre mesi di condanna, ma l'imputato respinge gli addebiti, sostenendo di aver provveduto anche alle spese straordinarie dell'ex coniuge.  Il difensore, l'avvocato Raffaele Moretti, ha prodotto documentazione sui bonifici eseguiti e sugli assegni firmati. La seconda accusa nasce da alcuni lavori che l'ex marito aveva svolto nell'appartamento lasciato alla donna, ancor prima della pronuncia del giudice sulla separazione. A detta di lei, i pannelli di cartongesso erano stati installati per ridurre gli spazi a disposizione sua e dei figli, mentre per la difesa è stato un intervento necessario per dividere l'appartamento da quello della sorella di lui. L'ex moglie poteva usufruire di tutte le stanze, come in precedenza, cioé due camere, soggiorno-cucina e due bagni.