Giovedý 22 Agosto19:11:40
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Commercio: diminuiscono le imprese a Rimini rispetto al 2017, aumentano le vendite on line

Indagine della Camera di Commercio, meno vendite al dettaglio sia alimentari che non

Attualità Rimini | 12:04 - 02 Maggio 2019 Commercio: diminuiscono le imprese a Rimini rispetto al 2017, aumentano le vendite on line

Nel territorio Romagna (Forlì-Cesena e Rimini), al 31/12/2018, si contano 17.051 imprese attive del settore del commercio, pari al 24,0% del totale (22,5% in Emilia-Romagna e 26,9% in Italia), in diminuzione dell’1,0% rispetto al 31/12/2017 (-1,4% a livello regionale e -0,9% a livello nazionale). In calo le imprese sia del “commercio al dettaglio” (53,9% delle imprese del settore), dell’1,5%, che del “commercio all’ingrosso” (35,7%), dello 0,8%; aumentano, invece, le imprese del “commercio e/o riparazione di autoveicoli e motocicli” (10,4% sul totale settoriale), dell’1,3%.

Gli addetti del commercio nel suo complesso rappresentano il 18,7% del totale degli addetti; in Romagna, inoltre, si concentra il 20,1% degli addetti regionali del settore.

L’analisi congiunturale, elaborata da Unioncamere Emilia-Romagna, rileva, nel 2018, una diminuzione delle vendite del commercio al dettaglio, rispetto al 2017, dell’1,5%, a causa del calo delle stesse negli esercizi della piccola e media distribuzione (rispettivamente, -2,8% e -1,6%); aumentano, al contrario, le vendite negli esercizi della grande distribuzione (+0,7%).

Il Commercio in provincia di Rimini

In provincia di Rimini, al 31/12/2018, si contano 8.863 imprese attive del settore del commercio, pari al 25,8% del totale (22,5% in Emilia-Romagna e 26,9% in Italia), in diminuzione dell’1,1% rispetto al 31/12/2017 (-1,4% a livello regionale e -0,9% a livello nazionale); calano le imprese del “commercio al dettaglio” (57,1% delle imprese del settore), dell’1,9%, e del “commercio all’ingrosso” (33,5%), dello 0,5%, mentre aumentano le imprese del “commercio e/o riparazione di autoveicoli e motocicli” (9,4% sul totale settoriale), dell’1,6%. Nell’anno 2018, in provincia, si sono verificate 453 iscrizioni a fronte di 738 cessazioni (non d’ufficio); il saldo, pertanto, risulta essere negativo (-285 unità).

Gli addetti del commercio nel suo complesso rappresentano il 18,9% del totale degli addetti; sul territorio provinciale, poi, si concentra il 9,8% degli addetti regionali del settore.

Per ciò che concerne il commercio all’ingrosso, la tipologia preponderante è costituita dagli intermediari del commercio (agenti, rappresentanti, mediatori) (56,1% dell’ingrosso), sostanzialmente stabile rispetto all’anno precedente (+0,2%). Riguardo al commercio al dettaglio, trattasi prevalentemente di imprese operanti nel commercio all’interno dei negozi (esercizi specializzati e non) (74,0% del dettaglio), a cui seguono le imprese ambulanti (21,2%) e quelle dedite al commercio per corrispondenza o elettronico (4,8%); quest’ultima tipologia è l’unica che fa registrare un incremento annuo (+8,1%), a differenza delle diminuzioni riscontrate sia per i negozi (-1,8%) che per gli ambulanti (-4,0%).

L’analisi congiunturale, elaborata da Unioncamere Emilia-Romagna, rileva, nel 2018, una diminuzione delle vendite del commercio al dettaglio, rispetto al 2017, del 2,0%; in flessione le vendite negli esercizi della piccola distribuzione (-3,2%) e in quelli della media distribuzione (-2,9%), in aumento negli esercizi della grande distribuzione (+0,9%). Nello specifico, diminuiscono le vendite sia dei prodotti alimentari (-1,6%) che dei prodotti non alimentari (-2,4%).