Domenica 25 Agosto21:06:48
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Una pista ciclabile per collegare stazione ferroviaria all'ospedale Infermi: approvato il progetto

Costo dei lavori 700.000 euro, la metà dell'intervento finanziato dalla Regione

Attualità Rimini | 13:48 - 30 Aprile 2019 Rendering della 'bicipolitana' stazione ferroviaria-ospedale Infermi di Rimini Rendering della 'bicipolitana' stazione ferroviaria-ospedale Infermi di Rimini.

E’ un progetto che completa un asse portante della bicipolitana e che andrà ad unire due poli strategici della città: la Stazione Ferroviaria e l’Ospedale Infermi, mettendoli a sistema, a sud, con l'asse esistente che già conduce a Miramare e, a nord, con quello che, passando dalla stazione e proseguendo per Via Coletti, sarà realizzato fino a Rivabella, per poi congiungersi con il lungomare nord riqualificato.

Il progetto definitivo, approvato lunedì dalla Giunta Comunale di Rimini,  ha un costo complessivo di 700mila euro e prevede un collegamento ciclabile di 2,710 km,  consentendo un incremento centrale per la mobilità sostenibile. Si tratta di un’infrastruttura strategica per il territorio che ha tenuto conto delle indicazioni pervenute dai partecipanti alla consultazione avviata lo scorso anno tra le procedure di accompagnamento all'adozione del Piano Urbano della Mobilità Sostenibile e delle esigenze di mobilità e messa in sicurezza di ciclisti e pedoni che quotidianamente usano l'asse di Via Roma, Via Ugo Bassi e Via Settembrini.

Il costo dell’investimento sarà coperto per il 50% (€ 350 mila) dalla Regione Emilia Romagna, in quanto come noto, il progetto  è risultato il primo in graduatoria tra i 93 candidati al bando “Fondo Sviluppo e Coesione Infrastrutture 2014/2020 – Asse Tematico altri interventi”, il bando regionale emanato a giugno per la promozione della mobilità ciclistica, dove il Comune di Rimini ha ottenuto il massimo del contributo possibile.

“Si tratta di un opera fondamentale, realizzata nel cuore della città, che conferma l’impegno di questa amministrazione nell’incoraggiare l’uso della bicicletta - ribadisce l’Assessore alla mobilità Roberta Frisoni - Indurre un maggior numero di persone a servirsi della bicicletta anche per recarsi quotidianamente al lavoro, a scuola o a fare acquisti, al fine di ridurre l’utilizzo delle automobili private. Un obiettivo importante per rendere più vivibile la città e anche più accessibile ai bambini e agli anziani, che non hanno la possibilità di guidare un’automobile.”

Ulteriori approfondimenti progettuali saranno svolti dagli uffici nelle prossime settimane, per giungere alla definizione del progetto esecutivo, la cui redazione è prevista entro l'estate.