Luned 20 Maggio01:38:49
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Ralf in Bikini di Cattolica, intensificati i controlli della Polizia: arrestato uno spacciatore

Il 22enne chietino è stato pedinato e colto in flagranza mentre vendeva 3 bustine di MDMA

Cronaca Cattolica | 17:03 - 26 Aprile 2019 Dalla pagina Facebook di Ralf in Bikini, 2019 Dalla pagina Facebook di Ralf in Bikini, 2019.

Un giovane di 22 anni originario di Chieti è stato arrestato dopo essere stato colto in flagranza di reato mentre vendeva della droga all'interno dell'ottava edizione del Ralf in Bikini di Cattolica.

Nell’ambito delle attività di controllo predisposte dalla Questura di Rimini per garantire ordine e sicurezza pubblica in un periodo denso di eventi e di festività, tra i lavori più intensi c’è stato proprio il presidio della 12 ore di musica tecno, minimal e house al Bikini disco dinner di Cattolica che ha impegnato le forze dell’ordine in particolare nella giornata del 25 aprile.

Nonostante l’affollamento, con centinaia di giovani affluiti sul locale in spiaggia, non si sono registrate particolari criticità, grazie all’intensificarsi dei controlli sia ai varchi d’ingresso sia all’interno dell’evento da parte dell’ufficio prevenzione generale - soccorso pubblico della Polizia di Stato, con il concorso del Reparto Prevenzione Crimine di Bologna e le unità cinofile antidroga della Polizia di Stato, il cui impiego è stat finalizzato a prevenire e contrastare il degrado urbano, i reati contro la persona ed il patrimonio, lo spaccio di sostanze stupefacenti, nonché a verificare l’osservanza da parte di cittadini stranieri del rispetto della vigente normativa inerente l’ingresso e la permanenza sul territorio nazionale.

L’ARRESTO 
La capillare distribuzione degli operatori della Polizia di Stato ha consentito di notare atteggiamenti sospetti da parte di un 22enne originario della provincia di Chieti. Il giovane si aggirava all’interno delle aree dell’evento avvicinandosi di volta in volta ad altri giovani, con i quali scambiava brevi dialoghi. A seguito di questi brevi e concisi discorsi, che poi si rivelavano delle vere e proprie contrattazioni, il ragazzo poi identificato come F.D., a volte riceveva risposta negativa alla vendita di droga altre volte riusciva a portare a compimenti la propria cessione di sostanza stupefacente. Due operatori di polizia, pedinandolo, hanno potuto cogliere in flagranza il giovane proprio mentre vendeva 3 bustine contenenti MDMA ad un 22enne Pescara per 45 euro.

I poliziotti sono intervenuti, hanno perquisito entrambi i ragazzi e trovando nelle tasche dello spacciatore altre due bustine della medesima sostanza, nonché 100 euro piegate alla rifusa all’interno delle tasche. Il tutto è stato sequestrato. All’acquirente sono state per rinvenute le tre bustine oggetto di cessione, che il giovane ha detto avrebbe consumato insieme ad altri amici.
 
Al secondo soggetto il personale di polizia all’opera ha contestato l’illecito amministrativo di consumo di sostanze stupefacenti ed ha sequestrato le bustine di MDMA. Lo spacciatore è stato tratto in arresto e per lui il Pubblico ministero ha disposto il processo per direttissima da tenersi nella mattinata odierna. In tale circostanza l’arresto è stato convalidato ed il soggetto ha rappresentato, mediante il proprio avvocato, la volontà di procedere con un rito alternativo.