Domenica 19 Maggio15:23:11
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

La Baia degli Angeli (1975-1979) vince il Premio Dino D’Arcangelo

Il premio verrà ritirato da Mozart alias Claudio Rispoli, storico dj della "Baia

Attualità Gabicce Mare | 13:05 - 19 Aprile 2019 La piscina della Baia nel 1978 La piscina della Baia nel 1978.

È la Baia degli Angeli (1975-1979) a vincere la prima edizione del Premio Dino D’Arcangelo, istituito nell’ambito di “Tenera è la notte”, il ciclo di incontri sulla club culture, organizzato da Doc Servizi e curato dall’artista NicoNote e dal giornalista Pierfrancesco Pacoda, che si terrà dal 5 al 7 maggio 2019 al Mir – Music Inside Rimini. Il premio, istituito per ricordare Dino D’Arcangelo, storico giornalista di Repubblica e autore della celebre rubrica “Tenera è la notte”, è stato assegnato alla Baia degli Angeli perché – si legge nella motivazione del premio – è stato un “locale dove è nata la cultura contemporanea del dj, un club di respiro internazionale, che ha portato il design, la grafica e la creatività nel divertimento notturno. La Baia degli Angeli è un riferimento assoluto per la cultura del Clubbing in Italia, che ha cominciato da lì ad assumere una propria identità e a far parte di un immaginario condiviso, ancora oggi molto vivo”.
Il premio verrà ritirato da Mozart alias Claudio Rispoli, storico dj della “Baia”.
 
La giuria del Premio è composta da un gruppo di amici e colleghi di Dino D’Arcangelo: Ernesto Assante (La Repubblica), NicoNote (musicista), Pierfrancesco Pacoda (giornalista), Principe Maurice (performer), Pierluigi Pierucci (consulente marketing), Claudio Coccoluto (dj), Damir Ivic (giornalista).
 
Il concetto di Club Culture è inafferrabile, liquido e gassoso, con significati molteplici. È sinonimo di innovazione continua, di cambiamenti repentini, di alterità poetiche e visionarie, evanescenza, mondi che si incontrano diventando ispirazione e relazione per altre pratiche. Gli incontri di “Tenera è la notte” cercheranno di indagare i molteplici livelli di esperienze della notte nella musica, nel costume, nel mondo del teatro e della performance.
L’immaginario della Club Culture sarà declinato e analizzato da differenti punti di vista, con le parole dei protagonisti che più hanno agito e agiscono in questo mondo. Il confronto si alimenterà di tavole rotonde e dibattiti, presentazioni di libri e talk con un taglio innovativo e vitale, in grado di raccontare il club non solo come luogo di intrattenimento, ma anche come laboratorio generatore di linguaggi culturali. Uno sguardo caleidoscopico e tenero con il quale gettare le basi per nuove riflessioni sulla club culture.

Oltre ai panel di “Tenera è la notte”, all’interno del MIR si terranno anche incontri e dibattiti sull’innovazione tecnologica, corsi di formazione, copyright e sicurezza, sempre organizzati da Doc Servizi. In particolare, domenica 5 maggio si terrà il primo incontro nazionale della Crew Tecnica di Doc Servizi, la più grande rete di tecnici professionisti dello spettacolo. Oltre 2.500 tecnici, 11.000 clienti e più di 4.000 eventi gestiti dalla rete in tutta Italia.