Marted́ 21 Maggio03:28:49
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Bilancio 2018 del comune di Santarcangelo si chiude con un avanzo di quasi 600.000 euro

La spesa corrente ha registrato impegni superiori alle entrate: un disavanzo coperto con l’avanzo di amministrazione degli anni precedenti

Attualità Santarcangelo di Romagna | 13:57 - 18 Aprile 2019 Municipio di Santarcangelo Municipio di Santarcangelo.

La seduta del Consiglio comunale convocata per la serata di mercoledì 17 aprile si è aperta con il saluto dei capigruppo, del presidente e del sindaco, che hanno tracciato con un breve intervento il bilancio dell’attività amministrativa del quinquennio 2014-2019 nell’ultima seduta consiliare del mandato.

A seguire, l’assemblea si è confrontata sull’unico punto all’ordine del giorno, ovvero il rendiconto di gestione per l’esercizio finanziario 2018, documento che chiude il bilancio dell’amministrazione relativo allo scorso anno. Tra gli aspetti evidenziati nel corso della presentazione, la riduzione della pressione fiscale consentita da un aumento dei trasferimenti statali – che passano da 1.700.000 euro a circa 3 milioni – e il recupero del gettito pregresso in costante aumento. In crescita anche gli oneri di urbanizzazione, interamente utilizzati per investimenti come previsto dalla normativa: tra questi anche alcuni interventi realizzati, conclusi o in corso nel 2019, dalla nuova scuola materna di Canonica ai ponticelli stradali di via Zanni e via Savina, dal ponte Bailey di San Vito al sistema di videosorveglianza, dalla rotonda all’incrocio tra via Togliatti e via della Resistenza alle opere di urbanizzazione in via Alessandrini, fino alla manutenzioni dei cimiteri comunali.
 
I revisori dei conti hanno evidenziato inoltre la diminuzione dell’indebitamento pro capite, così come degli oneri finanziari. La spesa corrente ha registrato impegni superiori alle entrate: un disavanzo coperto con l’avanzo di amministrazione degli anni precedenti, procedura anch’essa prevista dalle normative in materia. Il bilancio si conclude dunque con un avanzo di 591.000 euro, di cui 275.000 disponibili: un avanzo contenuto rispetto al volume del bilancio, frutto di un adattamento della capacità di analisi dell’Amministrazione comunale alle nuove regole della contabilità pubblica, che restituiscono un rendiconto complessivamente in ordine.
 
Tra i servizi a domanda individuale la spesa più rilevante è quella per i nidi d’infanzia comunali – con una copertura che supera il 70% del costo – un impegno paragonabile a quello per il trasporto scolastico, i servizi mensa e pre/post scuola. La gratuità e la piena fruibilità della cultura sono sostenute con i 600.000 euro necessari al funzionamento della biblioteca Baldini, cui si sommano i 224.000 euro per i musei comunali. Il servizio di raccolta rifiuti, come previsto dalla normativa, è coperto per intero dalla tariffa dedicata, comprese esenzioni e riduzioni fino al 30% di cui beneficiano circa 450 famiglie e le agevolazioni a favore di una trentina di imprese. Alla voce manutenzioni, infine, figurano 151.000 euro per i parchi e 685.000 euro per le strade.
 
Dopo un dibattito che ha visto la partecipazione di tutti i gruppi consiliari, il rendiconto di gestione per l’esercizio finanziario 2018 è stato approvato dal Consiglio comunale con il voto favorevole dei gruppi di maggioranza (Partito Democratico e Sinistra Unita), mentre hanno votato contro i consiglieri di opposizione (Movimento 5 Stelle, Forza Italia e Progetto Civico).