Giovedý 25 Aprile08:38:10
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Calcio C, se il Rimini retrocederà in serie D avrà buone chance di riammissione

Il Consiglio federale ha approvato la modifica dell'art. 49 delle Noif: tutelati i club virtuosi

Sport Rimini | 16:57 - 17 Aprile 2019 Il presidente della Lega C Francesco Ghirelli e quello del Rimini Calcio Giorgio Grassi Il presidente della Lega C Francesco Ghirelli e quello del Rimini Calcio Giorgio Grassi.

La notizia più importante della giornata arriva mentre mister Petrone sta provando lo schieramento anti Samb (c'è poco da inventare viste le assenze per infortuni e squalifica, eppure qualcosa potrebbe esserci...) con la partitella in famiglia e riguarda le decisioni del consiglio federale.
I club "'virtuosi' di Lega Pro che retrocederanno potranno richiedere di essere riammessi al campionato di Serie C di calcio: "E' un grande risultato per noi", le parole di Francesco Ghirelli, presidente della Lega Pro, al termine del Consiglio Federale che si è svolto oggi a Roma e che ha approvato la modifica dell'articolo 49 delle Noif con l'inserimento del comma 5.
Nello specifico, dopo la disputa dei playout e prima della scadenza del termine per presentare la domanda di iscrizione indicato nel sistema delle licenze nazionali, i club retrocessi potranno essere riammessi al torneo di Serie C della stagione successiva, secondo criteri deliberati dal consiglio federale della Figc, se si verificherà una delle seguenti circostanze:
- dichiarazione di fallimento di una società partecipante al campionato di serie C;
- sanzione da parte degli organi di giustizia sportiva che comporti l'esclusione di una società dal campionato di Serie C;
- sanzione da parte degli organi di giustizia sportiva che comporti il collocamento di una società all'ultimo posto in classifica del campionato di Serie C;
- rinuncia da parte di una società a presentare domanda di iscrizione al campionato di Serie C successivo.
"E' un'altra conquista importante nel percorso di cambiamenti e di nuove regole per dare una svolta dopo questo terribile campionato e a tutela dei club virtuosi" ha concluso Ghirelli. Sull'argomento è anche intervenuto il presidente della Figc, Gabriele Gravina, specificando che si tratta di "un altro piccolo tassello utile per rimediare ad alcune forme di ingiustizia che in passato hanno vissuto alcune società retrocesse sul campo magari ad opera di altri club che successivamente falliscono".