Mercoledý 13 Novembre09:58:05
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

A San Giovanni in tanti a sostegno del "Fallo Subito", sport e determinazione come nella vita

Fulcro della serata la grande forza del femminile che nel tempo ha saputo farsi strada nello sport, come nella vita

Attualità San Giovanni in Marignano | 13:18 - 12 Aprile 2019 Cittadini a sostegno del "Fallo Subito" Cittadini a sostegno del "Fallo Subito".

Una Sala del Consiglio vivace, dinamica e aperta al confronto quella che ieri sera  a San Giovanni in Marignano si è accesa e popolata in occasione dell’evento “Fallo! sto Genere di Sport. Sport e stereotipi di genere”.
L’iniziativa, organizzata dall’Assessorato alle Pari Opportunità del Comune di San Giovanni in Marignano in collaborazione con il “Collettivo Towanda”, ha interessato realtà sportive locali, associazioni, educatori, uomini e donne che vivono lo Sport, ma soprattutto cittadini, singole persone che giornalmente portano avanti passioni e valori educativi e sociali importanti attraverso le loro scelte di vita e il loro contributo.
Il Collettivo Towanda ha saputo sensibilizzare e approfondire tematiche socio-educative con grande freschezza e brillantezza, utilizzando forme artistiche, ludiche e rievocando, Alfonsina Morini, la prima donna ciclista della storia a competere ne Il Giro d’Italia, un vero e proprio simbolo dell’emancipazione femminile, che ha ispirato la canzone degli anni ’50 “Bellezza in Bicicletta”.
Il fulcro della serata è stata propria la determinazione e la grande forza del femminile che nel tempo ha saputo farsi strada nello sport, come nella vita, nel continuo impegno nel mettere in discussione gli stereotipi culturali di genere che spesso hanno impedito, e impediscono ancora a volte, di essere completamente liberi di  fare scelte sportive e di vita. Nello sport, come in altri ambiti, esistono ancora stereotipi che legano la tipologia di attività fisica al sesso, cosi come persiste un trattamento economico e di immagine diversificato tra maschio e femmina.
Illuminante a tal proposito l’intervento di Roberta Li Calzi, Presidente della Commissione consiliare Pari Opportunità Comune di Bologna, sportiva fin dalla nascita, impegnata da anni nella promozione delle attività sportive come veicolo di educazione, tutela della salute ed integrazione. Roberta, con il suo intervento appassionato e di grande professionalità, ha saputo offrire una panoramica approfondita di tutto il percorso di emancipazione femminile nello sport e degli elementi che ancora sono alla base dell’incompleta parità di genere.
Fondamentali, nell’arricchimento della conversazione, le testimonianze di donne che vivono il mondo sportivo in ruoli diversi, tra le quali: Giulia Saguatti, Capitano della Consolini Volley Femminile, Omag San Giovanni in Marignano, Michela Gamboni, Presidente della Nuova Polisportiva Consolini, le ragazze del Gruppo Stray Beez Rimini Roller derby e  Claudia Marchi, portavoce del Rimini Football Club.
Presente, insieme all’Amministrazione, nelle figure del Sindaco Morelli, Vicesindaco Bertuccioli e Consigliera con delega alle Pari Opportunità Ruggeri, tutta la rete territoriale che cura la progettazione, le attività, i servizi per la promozione della cultura del rispetto e parità di genere e di contrasto alla violenza, sostenuta anche dai finanziamenti della Regione Emilia Romagna.
Tra questi le operatrici  del Centro  Antiviolenza Distrettuale Chiama Chiama, presenti con un banchetto informativo, Loretta Michelini, Presidente dell’Associazione Mondo Donna, la Dott.ssa  Maura Gaudenzi dello  Sportello Psicologico Comunale, Silvia Giorgi del Teatro Cinquequattrini che cura i progetti nelle scuole del Distretto, Giulia Corazzi, Consigliera Provinciale con delega alle Pari Opportunità.
 
“Sentiamo- sottolinea con entusiasmo l’Amministrazione Morelli- che il metodo del lavoro di rete, nel quale abbiamo investito in questi anni  con passione e determinazione, è quello che permette di crescere e di migliorare il campo d’azione comune. Le collaborazioni e il coordinamento dei ruoli che ognuno può rivestire in sfide culturali e sociali complesse risultano fondamentali, così come trovare la strategia comunicativa adeguata per veicolare messaggi complessi e fare segno nella comunità dando risposte efficaci e portando cambiamenti ed evoluzioni. Serate ed incontri come quello di ieri sera sanno dare a tutti una grande carica per continuare a scendere in campo, come una grande squadra. “