Venerd 18 Ottobre07:26:25
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Donne e scienza, incontro a Rimini con la ricercatrice Sara Sesti

Tante le professioniste che nel tempo hanno abbraciato la scienza, incontro venerdì al Museo

Attualità Rimini | 10:04 - 10 Aprile 2019 La ricercatrice Sara Sesti La ricercatrice Sara Sesti.

Chi dice che le donne non sono portate per la scienza? A confutare questo (sbagliato) luogo comune è la ricercatrice Sara Sesti nel volume “Scienziate nel tempo. 100 biografie”, Ledizioni, 2018.

L’autrice, in dialogo con Alessandra Carlini, presenta il suo saggio venerdì 12 aprile alle 17.30 nella sala della Cineteca comunale di Rimini, per il sesto appuntamento del ciclo di incontri Parla con lei. Sapienza contro violenza, promosso dall’associazione di volontariato Coordinamento Donne Rimini onlus.

Cento scienziate tenute in ombra per secoli vengono restituite alla memoria: le matematiche Maria Gaetana Agnesi, Emmy Noether e Maryam Mirzakhani, prima donna a ricevere la medaglia Fields; le astronome Vera Rubin e Jocelyn Bell-Burnell, scopritrici della materia oscura e delle pulsar; le economiste Rosa Luxemburg, Joan Robinson e Elinor Ostrom, attente alle questioni politiche e sociali. Ampio spazio è dedicato alle Nobel - da Marie Curie a You-you Tu - e alle donne cui il premio è stato negato, come Lise Meitner e Rosalind Franklin.

Un'attenzione particolare è rivolta alle scienziate italiane, da Laura Bassi e Anna Morandi-Manzolini, prime docenti universitarie nella Bologna del Settecento, a Ilaria Capua e Fabiola Gianotti, prima donna a dirigere il Ceni di Ginevra, passando per Margherita Hack e Rita Levi Montalcini.

In questa nuova edizione vengono ricordate le ricercatrici che in diverse epoche hanno realizzato importanti lavori collettivi: le astronome dei Cataloghi stellari dell'Ottocento, le programmatrici di Eniac, il primo calcolatore digitale, le ricercatrici del Progetto Manhattan, che contribuirono all'ideazione e alla costruzione della bomba atomica, e le scienziate afroamericane dei primi programmi spaziali della Nasa.

Cento biografie di scienziate: da Teano, esponente di spicco della Scuola pitagorica, alle ultime vincitrici del Premio Nobel. Un itinerario lungo la storia della scienza e dell'istruzione femminile che mette in luce figure per troppo tempo ignorate o sottovalutate, come l'attrice hollywoodiana Hedy Lamarr, cui è dedicata la copertina. È famosa per la sua bellezza, ma quasi nessuno sa che negli anni Quaranta inventò lo Spread Spectrum, una tecnologia oggi usata per il wi-fi.

SARA SESTI, docente di Matematica e ricercatrice in Storia della scienza, fa parte dell’Associazione “Donne e Scienza”. Ha curato per il Centro di ricerca Pristem dell'Università Bocconi, la mostra "Scienziate d'Occidente. Due secoli di storia", il primo studio italiano sulle biografie di scienziate. È responsabile per l’Università Statale di Milano della rassegna di film “Vedere la scienza - Sguardi sulle donne di scienza”.

Ha pubblicato con Liliana Moro il libro “Scienziate nel tempo. 100 biografie”. Cura la pagina Facebook “Scienziate nel tempo” che ha ricevuto il premio “Immagini amiche” istituito dall'Udi con il patrocinio del Parlamento Europeo, per "premiare la comunicazione, che costruisce un'immagine positiva, senza stereotipi di genere e senza immagini sessiste".