Mercoledý 24 Aprile04:35:55
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Calcio 1a Cat: Verucchio non molla, battuto il Rivazzurra Miramare (2-0)

Doppietta di Bruma, i rosanero al terzo posto a -5 dalla vetta occupata dal Gatteo

Sport Verucchio | 17:26 - 07 Aprile 2019 Una formazione del Verucchio 2018-19 Una formazione del Verucchio 2018-19.

VERUCCHIO: Maggioli, Colonna R., Campidelli (Ugolini 45’st), Tentoni, Colonna G., Schipano, Bruma (Vertaglia 45’st), Dragoni, Tellinai (Clementi 44’st), Ronchi (Michilli 31’st), Genghini (Leardini 37’st).
A disp: Palmieri, Girometti, Radu, D’Amuri. All: Nicolini.

RIVAZZURRA MIRAMARE: Pelliccioni, Amadori, Mignani, Casadei (Pivi 36’st), Biagetti (Gabellini 34’st), Mularoni, Zamagni (Carbutti 36’st), Antognoli (Sulpizio 20’st), Fabbri, Celli.
A disp: Rosa, Borgono, Asioli, Gabellini, Caido. All: Morolli.

ARBITRO: Lelli (Cesena)

RETI: Bruma 46’pt, 26’st

AMMONITI: Schipano, Genghini, Zamagni, Mularoni, Amadori, Casadei, Biagetti, Sulpizio, Barogno.

NOTE: Espulso Mignani al 25’st

Il Verucchio piega 2-0 il Rivazzurra e guadagna il terzo posto in classifica con 45 punti, alla pari del Riccione. Il primo tempo è sostanzialmente equilibrato e occorre slittare al 44’ per assistere al primo brivido del match: Tellinai colpisce in pieno la traversa da punizione. Ma proprio da calcio piazzato i rosanero passano in vantaggio al 46’ con un eurogol di Bruma che dalla sinistra infila nel sette il pallone. Nel secondo tempo il Verucchio scende in campo con un altro piglio e già dopo centoventi secondi va vicino al raddoppio con Bruma che, lanciato da Tellinai a tu-per-tu, spara alto sopra la traversa. Al 25’ altra traversa colpita dal Verucchio, questa volta con Campidelli che sterza, si porta in zona tiro e fa tremare il legno. Il raddoppio è nell’aria e al 26’ è ancora ottimo il tandem Tellinai-Bruma, con l’attaccante servito ancora dal centrocampista rosanero e il suo destro s’insacca alle spalle di Pelliccioni, è 2-0. Dopo un tentativo su punizione di Gabellini, il Verucchio chiude in attacco con i tiri di Dragoni, Clementi e Michilli, fuori di poco.