Luned́ 22 Aprile13:00:33
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Baseball, nel test sulle sette riprese per San Marino e Bologna una vittoria per parte

In gara1 successo per 4-3 in rimonta per i titani; in gara2 10-6 per i felsinei. Due homer

Sport Repubblica San Marino | 09:03 - 07 Aprile 2019 Celli nel box di battuta Celli nel box di battuta.

Doppio test questo pomeriggio per il San Marino Baseball, che ha affrontato la Fortitudo Bologna in due partite sulla distanza delle sette riprese. Una vittoria e una sconfitta il bilancio della giornata, col 4-3 in rimonta per i Titani in gara1 a cui ha fatto da contraltare il 10-6 per i felsinei nel secondo match.

In GARA1 il manager Mario Chiarini dispone i suoi uomini in campo con Quevedo a lanciare e Albanese a ricevere. Poi Imperiali, Pulzetti, Epifano e Di Fabio in diamante, mentre sul prato esterno si posizionano Avagnina, Giordani e Celli. Nelle prime due riprese è solo San Marino a mettere a segno valide (due contro Pizziconi al 2°), ma la prima squadra a passare in vantaggio, al 3°, è Bologna. Fortitudo sul 2-0 con tre singoli consecutivi, mentre al 4° una base ball concessa da Quevedo e un doppio ospite generano il terzo punto. Nella parte bassa del quarto, su Noguera, San Marino comincia a produrre valide con grande continuità (alla fine di gara1 saranno 11 in 7 riprese): il singolo di Celli porta a casa l’1-3, il doppio di Imperiali invece è quello che firma il 2-3. Al 5° il solo-homer di Federico Giordani vale il pari (3-3), mentre nell’ultima ripresa è ancora Celli con un singolo a portare a casa il punto del 4-3 su Rivero. Prima, dopo il doppio d’apertura, uscita dal campo di Epifano per un problema muscolare. Sul monte di lancio, dopo i 4 inning di Quevedo, sul monte sono saliti Coveri (due riprese) e Baez (una).

In GARA2 sul monte sammarinese c’è Maestri, dall’altra parte invece Bassani. Titani sul 2-0 grazie a Reginato e Celli, ma tra seconda (homer di Marval) e terza ripresa (valida di Nosti), la Fortitudo è sul 2-2. San Marino reagisce subito e tenta la fuga nella parte bassa del terzo andando sul 5-2, con Bologna che però segna due punti al quarto e due al quinto per il controsorpasso sul 6-5. Capitan Albanese non ci sta e spara il fuoricampo del pari (6-6), ma la Fortitudo segna quattro punti al sesto e si aggiudica l’incontro. Sul monte sammarinese, dopo Maestri, è salito Cherubini.