Giovedý 25 Aprile08:56:36
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Crack dei diamanti, il 21 ottobre l'udienza in tribunale per la restituzione dei 'preziosi'

Lega Consumatori: 'per chi non avesse ancora inviato la richiesta di restituzione, non vi sono termini di decadenza e le domande possono essere ancora presentate'

Attualità Rimini | 13:48 - 06 Aprile 2019 Ispezione diamante (foto di repertorio) Ispezione diamante (foto di repertorio).

Sono oltre 19.000, tra domande di restituzione, rivendica e ammissione al passivo, le istanze di tutti gli investitori al vaglio del curatore fallimentare che si sta occupando del fallimento della Idb (Intermarket Diamond Business spa). E' stato disposto il calendario delle udienze per le domande pervenute fino alla data dell'8 marzo 2019: per le domande di restituzione dei diamanti udienza il 21 ottobre 2019 alle 10.10, con termine al 5 ottobre 2019 per la comunicazione dei beni in custodia da parte del curatore; in questa udienza saranno abbinati i diamanti da restituire ai proprietari. Le udienze del 5, 19 e 25 novembre 2019 saranno dedicate alle domande di rivendicazione.
Lega Consumatori di Rimini ricorda che, "per chi non avesse ancora inviato la richiesta di restituzione delle pietre, non vi sono termini di decadenza e le domande possono essere ancora presentate".

LA VICENDA. Numerosi cittadini, anche riminesi, avevano acquistato per un valore "gonfiato" rispetto al valore effettivo della pietra, diamanti dalla Idb fallita, che ha utilizzato gli istituti bancari per "piazzarli" sul mercato come beni rifugio. Tali condotte sono state dapprima sanzionate dall'Agcm (Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato) e poi censurate dagli acquirenti stessi che si sono rivolti alle associazioni dei consumatori, fra le quali la Lega Consumatori di Rimini, promossa dalle Acli, per cercare di ottenere la risoluzione dei contratti con restituzione dei soldi corrisposti. 

Lega Consumatori di Rimini, per il tramite dell'avvocato Emanuele Magnani, ha ricevuto la nota del curatore, che rileva che il Giudice Delegato ha disposto il calendario delle udienze in cui saranno trattate le domande tempestive, ossia pervenute fino alla data dell'8 marzo 2019.