Giovedý 17 Ottobre23:57:44
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

I tesori della Biblioteca Gambalunga, incontro a Rimini sui codici miniati

Oltre 1400 esemplari conservati nelle sale, un patrimonio illustrato al Museo sabato 6

Attualità Rimini | 11:38 - 05 Aprile 2019 Miniatura che raffigura San Girolamo Miniatura che raffigura San Girolamo.

Proseguono all’insegna della riscoperta dei tesori conservati nella Biblioteca Gambalunga gli incontri della rassegna “I Maestri e il Tempo”, promossa da Fondazione Cassa di Risparmio di Rimini e dalla Biblioteca Gambalunga. Sabato 6 aprile alle 17.30 al Museo della Città (Sala del Giudizio) si svolgerà il secondo incontro dal titolo “Il foglio e la figura. I codici miniati della Gambalunga” insieme alla storica dell’arte Simonetta Nicolini.

Un patrimonio di 1400 esemplari particolare pregio, quello conservato in Biblioteca, che vanta esemplari di alta qualità, come il codice del De civitate Dei di sant'Agostino, realizzato ad inizio Quattrocento per Pandolfo Malatesta e approfonditamene studiato proprio da Simonetta Nicolini.

“Ripercorreremo la bellezza e le caratteristiche dei codici custoditi nella biblioteca riminese – anticipa la relatrice – Sono esemplari di grande qualità, impreziositi da bellissime miniature. Per esempio, non conosciamo il nome del miniatore del codice di Sant’Agostino, ma sappiamo che ha un profilo stilistico di alto livello, collegato alla cultura figurativa delle grandi corti di area padana nel primo quarto del XV secolo”.

Si ricorda, tra l'altro, che presso la Biblioteca Gambalunga è depositato il Fondo Umanistico Letterario del Prof. A. Campana di proprietà della Fondazione Cassa di Risparmio di Rimini.

Previsto, infine, un piccolo dono editoriale. A coloro che parteciperanno sarà fatto omaggio, fino ad esaurimento scorte, della monografia, Cesare Pronti e San Girolamo. Fede, arte e cultura, a cura di Alessandro Giovanardi (L’Arco, 2016-17).

La rassegna “Parole e immagini: per i 400 anni della Biblioteca Gambalunga”, curata da Alessandro Giovanardi e Oriana Maroni, è patrocinata dall’Istituto per i Beni Artistici Culturali e Naturali della Regione Emilia-Romagna e dall’Ufficio Scolastico Riminese che, con il MiUR, riconosce la partecipazione al ciclo come crediti per la formazione del personale docente.

Il ciclo “I Maestri e il Tempo” si svolge grazie al contributo di Centro Stampa Digitalprint e Momogenico.