Venerd́ 26 Aprile15:09:51
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Luttazzi torna in tv: da un colloquio con Freccero le indiscrezioni per un nuovo programma di 8 puntate

Il comico e conduttore santarcangiolese era stato allontanato dalla Rai nel 2001 assieme a Biagi e Santoro

Attualità Santarcangelo di Romagna | 17:46 - 04 Aprile 2019 Luttazzi torna in tv: da un colloquio con Freccero le indiscrezioni per un nuovo programma di 8 puntate

Il direttore di Rai 2 Carlo Freccero l’aveva dichiarato: “Voglio riportare Luttazzi in Rai”. Manca solo la conferma ufficiale: Daniele Fabbri sta per tornare in televisione. Le voci nei corridoi della Rai si sono rincorse a lungo in questi giorni fino a rimbalzare tra le delle redazioni giornalistiche, molte delle quali danno già la notizia per certa. Secondo Il Messaggero ad esempio, Luttazzi avrebbe avuto un colloquio di quasi un’ora e mezza con Freccero per parlare di un programma di 8 puntate da mandare in onda a breve.

Il comico e personaggio televisivo nato a Santarcangelo di Romagna nel 1961 manca dalla Rai da 18 anni, da quando il CDA dell’azienda radiotelevisiva decise di sospendere la nuova stagione di “Satyricon”, il programma andato in onda su Rai 2 da gennaio ad aprile del 2001 con la direzione - manco a dirlo - di Freccero ma aspramente criticato da Silvio Berlusconi, candidato alle politiche di maggio di quell'anno. Oggetto del contendere la puntata con Marco Travaglio dove si è parlato anche del libro “L’odore dei soldi”, nel quale il giornalista e attuale direttore de Il Fatto Quotidiano provava a ricostruire l’origine della ricchezza di Berlusconi e i presunti collegamenti con esponenti mafiosi dell’epoca. L’episodio aveva segnato un avvio infuocato della campagna elettorale: Berlusconi è stato poi eletto Presidente del Consiglio dei Ministri. Di aprile 2002 la pronuncia del cosiddetto “editto Bulgaro”, una dichiarazione con cui Berlusconi denunciava un “uso criminoso” della tv pubblica da parte di Enzo Biagi, Michele Santoro e, per l’appunto, Daniele Luttazzi e sollecitava come “preciso dovere della nuova dirigenza” Rai a intervenire. Effettivamente i tre conduttori tv, dopo l’affermazione, furono allontanati. Nell’ultimo periodo il satiro romagnolo si è dedicato al suo blog, al teatro, alla lettura e alla scrittura, oltre che alla registrazione di alcuni album musicali. Attualmente vive a Valencia.