Luned 21 Ottobre17:40:55
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Al via la 39ª edizione della grande raccolta: sabato e domenica il Campo Lavoro Missionario

Sette centri di raccolta in provincia, migliaia di volontari impegnati, azioni educative di contrasto alla povertà

Attualità Rimini | 10:36 - 03 Aprile 2019 Campo Lavoro Missionario (foto Alessia Bocchini) Campo Lavoro Missionario (foto Alessia Bocchini).

Torna a Rimini e in tutta la provincia la grande iniziativa umanitaria a sostegno dei paesi poveri e delle famiglie in difficoltà economica residenti sul nostro territorio. Di nuovo in Campo, per il 39° anno consecutivo. Sabato 6 e domenica 7 aprile torna il Campo Lavoro missionario, la grande raccolta di oggetti usati e materiali di recupero finalizzata a sostenere progetti umanitari nei paesi poveri del terra e portare una boccata d’ossigeno alle tante situazioni di disagio presenti anche nella realtà riminese. Il Campo coinvolgerà, come sempre, l’intera Diocesi, con 170 mila sacchi distribuiti porta a porta da un esercito di volontari e sette centri di raccolta: due a Rimini e altri cinque a Riccione, Cattolica, Santarcangelo, Verucchio, Bellaria. Quest’anno gli aiuti principali finiranno a missionari che operano in Etiopia, Costa d’Avorio, Zambia, Camerun, Bolivia più una quota riservata alla Caritas diocesana per aiutare famiglie riminesi in difficoltà economica.

Oltre alle centinaia di volontari impegnati nella raccolta, come sempre lunghissimo l’elenco delle organizzazioni che in vario modo collaborano all’evento: Protezione civile, Croce Rossa, Ciclofficina, Mani Tese, Pacha Mama, Associazione Papa Giovanni, Agesci… E senza dimenticare le Amministrazioni locali che hanno concesso il loro patrocinio alla manifestazione.

Sempre sui temi collegati alle finalità del Campo, da segnalare le iniziative rivolte ai giovani, in programma nel corso della due giorni. Per i più piccoli, a Rimini, Riccione e Santarcangelo verranno organizzati laboratori creativi per la costruzione di oggetti utilizzando materiali di recupero mentre saranno rivolti ai ragazzi più grandi gli incontri proposti dall’Ufficio per la Pastorale giovanile per la celebrazione delle Giornata mondiale della Gioventù.

Una segnalazione infine per la grande lotteria del Campo (32 mila biglietti già in vendita a 50 centesimi l’uno) e i tradizionali mercatini dell’usato che anche quest’anno verranno organizzati in tutti i centri di raccolta con i materiali ancora in buono stato. Indumenti, oggetti per la casa, elettronica, libri, giocattoli, biciclette: di tutto di più, per la gioia degli amanti del vintage o di chi, semplicemente, vorrà portarsi a casa per pochi spiccioli oggetti ancora utilizzabili.    

Cinque all’estero e una a casa nostra: sono le destinazioni principali di quest’anno (anche se altre potranno aggiungersi nei limiti del risultato finale). Cominciamo con il progetto della missione in Etiopia delle suore Francescane missionarie di Cristo (le suore riminesi di sant’Onofrio): un ostello destinato a giovani donne Gumuz per offrire loro un’istruzione di base e sottrarle a un destino di emarginazione. Altra richiesta viene dal missionario riminese padre Pasquale Poggiali, della Congregazione di don Orione in Costa d’Avorio: un aiuto per completare gli arredi della mensa scolastica annessa alla missione e frequentata da 300 ragazzi. Sempre in Africa, andremo a sostenere il progetto dell’Associazione Papa Giovanni XXIII in Zambia per l’ampliamento di strutture scolastiche destinate a ragazzi di strada e la missione di Maria Negretto in Camerun per la realizzazione di un nuovo reparto di Radiologia nel centro sanitario di Baleng Bafoussam. Completa l’elenco degli aiuti all’estero il progetto di ampliamento della scuola superiore di mosaico proposto dal Gruppo Oratorio Don Bosco a Escoma in Bolivia dove operano cinque volontari italiani, tra cui una coppia di riminesi (Luca Dominici e Claudia Guidi). Come gli anni scorsi, parte degli introiti del Campo sarà destinato alla Caritas diocesana per far fronte ad affitti arretrati, bollette, spese sanitarie e scolastiche di famiglie povere riminesi (italiane e immigrate).

L'anno scorso il Campo Lavoro ha sostenuto complessivamente 14 progetti per un totale di 184.500 euro di aiuti distribuiti.