Luned 22 Aprile08:58:01
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Calcio RSM, l’ultima giornata e i possibili scenari nella lotta play-off

Cinque le squadre già certe della fase finale: La Fiorita, Tre Penne, Folgore, Tre Fiori e Libertas

Sport Repubblica San Marino | 00:09 - 29 Marzo 2019 Calcio RSM, l’ultima giornata e i possibili scenari nella lotta play-off

Campionato: l’ultima giornata e i possibili scenari nella lotta play-off

Dopo la sosta per il doppio impegno della Nazionale torna d’attualità il discorso campionato, che con l’ultima giornata della Seconda Fase emetterà gli ultimi verdetti in vista dei play-off. Per adesso si conoscono i nomi di cinque delle otto squadre che disputeranno le fasi finali: La Fiorita e Tre Penne, già certe della prima posizione nei rispettivi gironi, e poi Folgore, Tre Fiori e Libertas. Mancano all’appello gli ultimi due pass del Q1 e l’ultimo del Q2, che potrebbe essere assegnato tramite spareggio. 

Quest’ultima eventualità si materializzerebbe nel caso in cui al termine degli ultimi 90’ della regular season dovessero sussistere non più di quattro lunghezze di vantaggio tra la Juvenes-Dogana, attuale seconda forza del raggruppamento, ed una tra Cosmos e Cailungo. Perciò attenzione agli incroci di sabato, ed in particolare a due di essi, ovvero quello che a Domagnano metterà di fronte proprio Juvenes e Cailungo, e quello che ad Acquaviva vedrà sfidarsi la capolista Tre Penne ed il Cosmos. In questo momento la classifica dice che al secondo posto c’è la Juvenes, al terzo il Cosmos (a -3 dai cugini biancorossoazzurri) e al quarto il Cailungo, con un ritardo di cinque lunghezze dalla Juvenes e di due dal Cosmos. 

Di certo nessuno scalzerà la Juvenes dalla seconda posizione, perché il Cosmos, l’unico in grado di agganciarla, sarebbe comunque svantaggiato sul piano degli scontri diretti. La squadra di Mancini spera ovviamente di scansare lo spareggio, e per poterlo fare dovrà battere il Cailungo ed augurarsi che il Cosmos non faccia altrettanto con il Tre Penne. Dal punto di vista dei gialloverdi, una vittoria sul Tre Penne garantirebbe loro l’accesso ai play-off senza alcun tipo di rischio derivante dall’esito di Juvenes-Cailungo. Perdere, invece, significherebbe uscire dai giochi in due casi: quello in cui il Cailungo dovesse battere la Juvenes – coi rossoverdi a quel punto terzi e ammessi allo spareggio – e quello in cui dovesse avvenire l’opposto, perché la Juvenes avrebbe troppo distacco (+5) sulla prima delle inseguitrici e dunque lo spareggio non si farebbe. Insomma, se il Cosmos perderà avrà come risultato “amico” soltanto il pareggio fra le due dirette rivali, perché in quel caso resterebbe terzo con quattro lunghezze di ritardo dalla seconda posizione: un distacco che – seppur al limite – prevederebbe ancora lo spareggio.  

Il Cailungo, invece, è meno padrone del proprio destino rispetto al Cosmos. La squadra di Bartoletti ha solo la vittoria come risultato ammesso, ma battere la Juvenes potrebbe non bastare ai rossoverdi, che resterebbero comunque legati al risultato della squadra di Crescentini Se quest’ultima dovesse battere il Tre Penne, il Cailungo non potrebbe in alcun modo essere ammesso allo spareggio, perché rimarrebbe fatalmente in quarta posizione. La vittoria della formazione di Borgo Maggiore combinata con la sconfitta del Cosmos porterebbe come diretta conseguenza uno spareggio fra Juvenes e Cailungo, mentre la combinazione fra il primo risultato ed il pareggio tra gialloverdi e biancoazzurri creerebbe una situazione limite, con la Juvenes sempre seconda e Cosmos e Cailungo appaiate in terza posizione a 19 punti. A complicare ulteriormente le cose, il fatto che le due rivali abbiano pareggiato sia nello scontro diretto di andata che in quello di ritorno. A quel punto farebbero fede i successivi criteri citati all’Articolo 70 (Formazione delle Classifiche) del regolamento organico. Unico confronto del Q2 senza ripercussioni sul discorso play-off, quello che a Montecchio metterà di fronte San Giovanni e Faetano. Riposerà la Virtus. 

Nel Q1 restano da stabilire la seconda e la terza posizione – occupate al momento da Folgore e Tre Fiori, entrambe a 22 punti - e soprattutto i nominativi da scrivere sugli ultimi due pass play-off rimasti in sospeso. Tutta la metà inferiore della classifica è coinvolta in quest’ultimo discorso, con Pennarossa e Murata al momento dentro le fasi finali e Fiorentino e Domagnano fuori, ma con ritardi minimi. Solo due di queste quattro formazioni si affronteranno tra di loro domenica, detenendo di fatto le redini del proprio destino. Si tratta di Fiorentino e Pennarossa, che vincendo garantirebbero a sé stesse l’automatico accesso ai play-off, mentre la sconfitta costerebbe al Fiorentino l’esclusione certa dalle fasi finali; il Pennarossa, invece, in caso di k.o. sarebbe vincolato al risultato di Murata-Libertas.

Ha invece bisogno assoluto di risultati “amici” il Domagnano, impegnato come il Murata con una formazione della metà superiore della classifica. I giallorossi, fanalino del girone, per qualificarsi devono assolutamente battere la Folgore ed in più augurarsi che il Pennarossa faccia altrettanto con il Fiorentino e la Libertas non perda con il Murata, mentre quest’ultimo, vincendo con i granata, potrebbe dormire fra due guanciali; non sarebbe però lo stesso se dovesse pareggiare o perdere, perché in quel caso i bianconeri di Gori sarebbero esposti agli attacchi di Fiorentino e Domagnano.  

La Fiorita, già certa da tempo di qualificazione e primato, eserciterà una qualche influenza sull’assegnazione del secondo posto perché affronterà il Tre Fiori, una delle due formazioni coinvolte. L’altra, la Folgore, se la vedrà con il Domagnano, mentre la Libertas – attualmente quinta ma chiamata a difendere questa posizione – incrocerà gli scarpini con il Murata.