Giovedý 23 Maggio16:06:22
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Rivoluzione sulle spiagge di Rimini, più luci e telecamere. Ma preoccupa il 5G dei cellulari

Il consigliere Gioenzo Renzi chiede all'amministrazione comunale di bloccare l'installazione delle microcelle per il 5G

Attualità Rimini | 16:49 - 22 Marzo 2019 Ragazza in spiaggia con il telefono cellulare (foto di repertorio) Ragazza in spiaggia con il telefono cellulare (foto di repertorio).

Il Consorzio Spiaggia Rimini Network rivoluziona le proprie spiagge, con 160 pali - metà in riva al mare e gli altri nella zona cabine - per installare luci e telecamere per una maggior sicurezza. Inoltre gli 80 pali della zona cabine saranno dotati delle microcelle per la tecnologia 5G dei telefoni cellulari. Quest'ultima ipotesi non piace al Consigliere Comunale Gioenzo Renzi: "Sono d’accordo con l’installazione della illuminazione e della video-sorveglianza,  come già sostenuto con una Mozione ed Odg per la sicurezza e la legalità sulla nostra spiaggia, mentre ritengo necessario conoscere gli effetti per la salute umana sull'esposizione alle radiazioni di alta frequenza wireless di quinta generazione". I responsabili di Spiaggia Rimini Network presenteranno a breve il progetto all'amministrazione comunale. Nel contempo Renzi ha sollecitato una riflessione di Palazzo Garampi: "Ho chiesto al Sindaco, quale garante della incolumità pubblica, di astenersi dall’autorizzare l’installazione della tecnologia 5G che potrebbe comportare l’aumento delle emissioni dei campi elettromagnetici e delle radiofrequenze rischiose in particolare per i bambini, le donne incinte, i neonati, gli anziani, i malati, i portatori di protesi e pacemaker".